Gli esperti del Digital marketing

Potenzia il tuo business online con Monkey Digital SEO: sfrutta al massimo il potenziale del marketing strategico digitale.

17 Stati coinvolti nella causa del DOJ

17 Stati coinvolti nella causa del DOJ

Una coalizione di 17 stati sta affrontando Google.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha annunciato che gli Attorneys General di Arizona, Illinois, Michigan, Minnesota, Nebraska, New Hampshire, North Carolina, Washington e West Virginia si sono uniti a California, Colorado, Connecticut, New Jersey, New York, Rhode Island, Tennessee e Virginia nella causa antitrust contro Google.

Questi stati sostengono che le pratiche pubblicitarie impiegate da Google hanno creato condizioni di disparità.

Questo articolo illustra le ragioni alla base di questa causa antitrust senza precedenti e il potenziale impatto sul panorama del marketing digitale.

Cosa sta indagando il DOJ?

La causa antitrust, intentata a gennaio, sosteneva che Google avesse violato lo Sherman Antitrust Act, che impedisce alle aziende di partecipare a pratiche che danneggiano la concorrenza.

Nel caso, il DOJ e 17 procuratori generali statali hanno accusato Google di pratiche anticoncorrenziali con l'intento di costringere editori e inserzionisti a utilizzare la tecnologia dello stack pubblicitario di Google.

Perché la causa del DOJ contro Google si sta espandendo ad altri stati?

Diversi procuratori generali hanno dichiarato il motivo per cui si sono uniti alla causa del DOJ contro Google in una serie di comunicati stampa.

Il procuratore generale del Michigan Dana Nessel ha annunciato: "Il potere che Google esercita nello spazio pubblicitario digitale ha avuto l'effetto di spingere le aziende più piccole e meno onnipresenti fuori dal mercato o di renderle legate agli annunci di Google per commercializzare i prodotti dei loro clienti".

"Una sana concorrenza migliora la qualità, riduce i costi e stimola l'innovazione", ha affermato Josh Stein, procuratore generale della Carolina del Nord.

Il procuratore generale di Washington ha dichiarato: "La fine del monopolio illegale di Google della pubblicità display online è una questione bipartisan".

"Google ha creato un ambiente illegale nel mondo digitale che ha causato danni agli editori e agli inserzionisti online indebolendo un Internet libero e aperto", ha affermato il procuratore generale dell'Illinois Kwame Raoul.

"Quando gli editori di siti web ottengono meno entrate pubblicitarie a causa dei monopoli di Google, devono abbassare la qualità del loro sito web o trasferire i costi ai consumatori", ha dichiarato il procuratore generale di New York Letitia James.

Il procuratore generale del Colorado Phil Weiser ha spiegato: "Poiché Google controlla molti degli strumenti della pubblicità digitale e applica commissioni più elevate sulle transazioni rispetto agli aspiranti rivali, gli editori di siti Web guadagnano meno sulle entrate pubblicitarie, gli inserzionisti sono costretti a pagare di più per il posizionamento degli annunci e, in generale, i consumatori sono danneggiati da prezzi più alti e meno innovazione”.

"Le pratiche anticoncorrenziali di Google e il bisogno ossessivo di controllo dei mercati della tecnologia pubblicitaria non solo hanno controllato i prezzi, ma hanno soffocato la creatività in uno spazio in cui l'innovazione è cruciale", ha affermato il procuratore generale della California Rob Bonta.

Il procuratore generale del New Jersey Matthew Platkin ha affermato: "Le grandi aziende tecnologiche come Google sono diventate più grandi schiacciando la concorrenza nel loro settore per costruire monopoli su tutto, dalle ricerche alla pubblicità".

“Google controlla da solo ciò che i consumatori vedono e, cosa più significativa, ciò che non vedono. Controllano anche ciò che gli inserzionisti possono dire ea quale prezzo ", ha affermato il procuratore generale della Virginia Jason Miyares.

Abbiamo contattato altri uffici del procuratore generale per un commento.

In che modo la causa antitrust potrebbe influire su inserzionisti ed editori?

Dan Taylor, vicepresidente di Global Ads, ha risposto in un post sul blog di gennaio che la causa era infondata e mirava a riesaminare le acquisizioni di Google di AdMeld nel 2011 e DoubleClick nel 2007.

Taylor ha affermato che "la causa legale del DOJ annullerebbe anni di innovazione, danneggiando il settore pubblicitario più ampio".

In definitiva, potrebbe danneggiare gli editori che generano entrate dalla pubblicazione di contenuti e gli inserzionisti che dipendono dalla tecnologia innovativa per raggiungere i clienti.

Se il DOJ vince, potrebbe portare a più concorrenza, costi pubblicitari più bassi e più soldi per gli editori.

Tuttavia, potrebbero esserci esiti negativi, come aziende più piccole che vengono escluse e meno scelta per tutti i soggetti coinvolti.

In ogni caso, l'esito di questo caso sarà un grosso problema per coloro che lavorano nell'editoria e nella pubblicità online.

Foto di presentazione: Felix Lipov/Shutterstock

Le Critiche Crescenti Contro Google
Scoprire lo Sviluppo Web: La Programmazione come Arte
Scopri i Top Podcast SEO del 2024 e Mantieniti Aggiornato
Il ruolo delle finestre di dialogo nella progettazione di un'interfaccia utente web
Guida all'Integrazione di ChatGPT sul Tuo Sito Web
Utilizzo efficace di ChatGPT per la ricerca di parole chiave
Automatizzare le Campagne PPC con l'Intelligenza Artificiale Generativa
Aggiungere Coinvolgimento al tuo Sito con uno Sfondo Video CSS
Importanza delle Pagine di Destinazione per la Generazione di Lead e Incremento delle Vendite
Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?