Gli esperti del Digital marketing

Potenzia il tuo business online con Monkey Digital SEO: sfrutta al massimo il potenziale del marketing strategico digitale.

Come la Gen Z utilizza i social media

Come la Gen Z utilizza i social media

Nati tra il 1997 e il 2012, la Generazione Z (Gen Z) è la prima generazione ad essere cresciuta con Internet, i social media e gli smartphone come parte della loro vita quotidiana.

E in quanto generazione più numerosa della storia, la Gen Z sta rapidamente diventando una forza potente nell'economia globale.

Tuttavia, quando si tratta di marketing per questa generazione, in particolare a livello locale, le vecchie regole del digital-first marketing che hanno funzionato sempre più con i millennial non si applicano.

La Gen Z ha spesso atteggiamenti molto diversi nei confronti del consumo, modellati dalla realtà di crescere cronicamente online e diventare maggiorenni da remoto alle prese con una pandemia globale.

Per fare passi da gigante con la Gen Z, è ora di ritirare il vecchio playbook.

Come marketer, dobbiamo capire cosa li spinge e ripensare il nostro approccio per raggiungerli dove trascorrono la maggior parte del loro tempo online: sui social media.

Chi è la generazione Z?

La Gen Z è unica tra le generazioni attuali, non solo per la struttura sociale in cui si è formata, ma anche per le sue abitudini di spesa, che differiscono dalle altre generazioni.

Secondo un rapporto Bloomberg del 2021, hanno collettivamente circa 360 miliardi di dollari di reddito disponibile.

Risparmiano di più, risparmiano e decisamente non acquistano da aziende che non riflettono i loro valori.

Inoltre, secondo Credit Karma, quasi un terzo della Gen Zer americana di età compresa tra i 18 e i 25 anni vive a casa con i genitori o altri parenti, il che significa che meno del loro denaro è impegnato in affitto, generi alimentari e servizi pubblici.

I social media sono integrati nel tessuto delle loro vite.

Un sondaggio del 2022 di Morning Consult ha rilevato che il 54% dei Gen Zer ha dichiarato di trascorrere almeno quattro ore al giorno sui social media e il 38% ne trascorre ancora di più. Le loro piattaforme social più utilizzate sono YouTube, Instagram, TikTok e Snapchat.

Inoltre, i dati di Statista nel 2022 suggeriscono che quasi l'80% della Gen Z e dei millennial ha acquistato qualcosa che ha visto sui social media.

Quando si tratta di acquisti online rispetto a quelli di persona, è più un problema. La Gen Z è abituata alla comodità dello shopping online, ma apprezza le esperienze di vita reale, così come la facilità del ritiro in giornata.

Uno studio di Deloitte nel 2023 ha anche rilevato una divisione 50/50 tra Gen Zers e millennial che vedono le interazioni online come sostituti significativi delle esperienze di persona e coloro che preferiscono la realtà.

Tutto ciò suggerisce che un approccio omnicanale all'esperienza del cliente è il migliore per la generazione Z, ma pone ancora un interessante enigma per i professionisti del marketing.

Sappiamo dove i Gen Zer trascorrono il loro tempo e come raggiungerli, ma cosa ci vuole per connettersi con loro in modo autentico? E cosa li spinge a disconnettersi e fare acquisti di persona?

Ecco cinque pratiche sui social media da considerare.

Abbraccia la partnership con i creatori

Il concetto del tradizionale "influencer" - che fa accordi di sponsorizzazione, fa viaggi di marca e vende uno stile di vita ambizioso raggiungibile ai propri follower attraverso l'acquisto di prodotti - ha dominato gli anni 2010.

Ma per la Gen Z, quel periodo di massimo splendore si sta dimostrando alle nostre spalle. Man mano che diventano più esperti su quando e come vengono venduti, l'economia dei creatori è re.

In questo nuovo paradigma, l'autenticità e l'originalità sono lodate rispetto all'aspirazione.

Il creatore di TikTok Alix Earle mi viene in mente come primo esempio. Earle ha visto una rapida fama in pochi mesi, superando oggi i 5 milioni di follower.

Ha tutti i segni di un'influencer tradizionale - i viaggi, i prodotti di fascia alta e uno stile di vita ambizioso - ma il suo tono rozzo e riconoscibile è probabilmente ciò che le ha fatto guadagnare un vasto pubblico e ciò che li circonda mentre il suo stile di vita sembra diventare meno raggiungibile.

Quando consiglia un prodotto a un pubblico, sembra organico, come una raccomandazione di un amico.

Come marchio, incoraggiare, coinvolgere e mettere in piattaforma questo tipo di contenuti generati dagli utenti (UGC) - in cui il tuo prodotto potrebbe non essere il protagonista di un video sceneggiato, ma un dettaglio in una storia più ampia - può essere molto efficace con la Gen Z .

Dai al brand una personalità online

Oltre a esternalizzare i contenuti ai creatori con il proprio pubblico, stiamo anche assistendo all'emergere di marchi che diventano influencer a pieno titolo.

Alcuni lo fanno coinvolgendo un noto creatore per rappresentare la presenza sociale del loro marchio. Ad esempio, Kyle Prue, un creatore di TikTok con oltre 1,1 milioni di follower, è diventato noto congiuntamente per il marchio di finanza personale, Fizz.

Stilisticamente, il contenuto di Fizz è praticamente indistinguibile dal suo contenuto personale, tranne per il fatto che riguarda la finanza personale.

Altri impiegano un personaggio o un membro dello staff per diventare il volto del marchio online. La popolare app per l'apprendimento delle lingue, Duolingo, ha accumulato oltre 6,5 milioni di follower su TikTok realizzando video con la sua mascotte, il gufo di Duolingo (e la maggior parte di questi video non ha nulla a che fare con l'apprendimento di una lingua).

Un altro esempio con una svolta diversa è il marchio di borse, Baboon to the Moon, che sfrutta alcuni membri del suo team della Gen Z per creare contenuti che spesso mettono in risalto i prodotti ma che risultano irriverenti e improvvisati – un tono che tende a risuonare bene con il pubblico della Gen Z.

Concentrati sull'impegno rispetto al conteggio dei follower

La generazione Z è molto meno fedele al marchio rispetto ai suoi predecessori.

Vengono spesso offerti contenuti dalle pagine principali dei social media come la pagina For You di TikTok, la scheda Scopri di Instagram e la pagina Consigliati di YouTube.

Un occhio al coinvolgimento e alla visibilità dei singoli post può essere un migliore indicatore di successo rispetto al conteggio dei follower per profilo.

Dal punto di vista dell'esperienza locale (LX), ciò significa anche che può essere utile creare profili per i negozi locali per creare una connessione più personale con tali luoghi.

Mostrare la posizione, le offerte o gli eventi specifici di quel negozio e delle persone che vi lavorano potrebbe incoraggiare un maggiore coinvolgimento.

Ad esempio, il profilo TikTok per una sede di Barnes and Noble a Canton, nel Connecticut, ha 16.000 follower e quasi 682.000 Mi piace sui suoi post.

Democratizzare la creazione di contenuti in questo modo può essere un ottimo modo per generare un maggiore coinvolgimento generale, soprattutto a livello di comunità, e promuovere un senso di appartenenza con il personale.

Usa le tendenze a tuo vantaggio

Il contenuto virale è diventato più raggiungibile e tuttavia più fugace che mai.

I marchi famosi che spendono migliaia in contenuti di social media altamente prodotti possono finire con un miscuglio di portata e coinvolgimento, mentre le filiali delle biblioteche locali, i musei e le aziende raccolgono milioni di visualizzazioni e impegni saltando sull'ultimo modello CapCut di tendenza (vedi: Pedro Pascal e Nicholas Cage.)

Stare al passo con le tendenze del momento e agire rapidamente su piattaforme come TikTok, Reels e YouTube Shorts può pagare enormi dividendi per ottenere consapevolezza e associazione positiva.

E mantenerlo semplice è in realtà positivo, a differenza di una piattaforma come Instagram, dove ci si aspetta che i post dei feed siano di alta qualità ed esteticamente accattivanti.

Ottimizza il profilo della tua attività su Google

Supponiamo che tu crei con successo la connessione autentica e l'associazione positiva necessarie per attrarre un acquirente della Gen Z.

A livello locale, la loro esperienza inizia quando aprono una nuova scheda sul proprio computer o cambiano app sulla foto per cercare il tuo brand e c'è una forte possibilità che si rivolgano a Google per farlo.

In uno studio del 2022 sul comportamento di ricerca dei consumatori locali (Disclosure: lavoro per Rio SEO), abbiamo scoperto che:

  • Il 47% dei Gen Zer ha affermato di utilizzare molto spesso Ricerca Google e Google Maps per trovare informazioni sulle attività commerciali nella propria zona.
  • Il 65% delle informazioni ricercate più di frequente negli elenchi di attività commerciali locali è l'indirizzo/le indicazioni dell'attività commerciale, seguito da recensioni (56%), orari di apertura (54%) e sito web (54%).
  • Il 68% dei Gen Zer effettua ricerche online poche volte al giorno.
  • Il 65% dei Gen Zer desidera viaggiare per 10 miglia o meno per i prodotti o i servizi di un'azienda.

Per far progredire i lead della generazione Z dal social media marketing alla conversione, è fondamentale gestire la tua LX e ottimizzare con il tuo profilo aziendale su Google (GBP).

I tuoi GBP devono essere ottimizzati per i dispositivi mobili e aggiornati, con orari e indirizzi corretti del negozio con indicazioni GPS, nonché una rapida visibilità dell'inventario in negozio, delle opzioni di pagamento e di altri punti salienti del negozio.

Insomma

Il punto chiave è questo: il social media marketing della Gen Z richiede di trovare un equilibrio tra l'adattabilità del mezzo e la coerenza della voce per coinvolgere un pubblico coinvolto.

L'ottimizzazione dell'esperienza online, dei social media e locale consentirà ai marchi di convertire quel pubblico in clienti.

I marchi che fanno di entrambe le parti una priorità saranno i migliori pronti a sfondare in questa generazione notoriamente sfuggente.

Altre risorse:

Foto di presentazione: Carlos Barquero/Shutterstock

Le Critiche Crescenti Contro Google
Scoprire lo Sviluppo Web: La Programmazione come Arte
Scopri i Top Podcast SEO del 2024 e Mantieniti Aggiornato
Il ruolo delle finestre di dialogo nella progettazione di un'interfaccia utente web
Guida all'Integrazione di ChatGPT sul Tuo Sito Web
Utilizzo efficace di ChatGPT per la ricerca di parole chiave
Automatizzare le Campagne PPC con l'Intelligenza Artificiale Generativa
Aggiungere Coinvolgimento al tuo Sito con uno Sfondo Video CSS
Importanza delle Pagine di Destinazione per la Generazione di Lead e Incremento delle Vendite
Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?