Gli esperti del Digital marketing

Potenzia il tuo business online con Monkey Digital SEO: sfrutta al massimo il potenziale del marketing strategico digitale.

Dichiarazione dei problemi di Google sul supporto per i canonici interdominio

Dichiarazione dei problemi di Google sul supporto per i canonici interdominio

Google ha offerto una dichiarazione per chiarire il proprio supporto per l'elemento di collegamento canonico interdominio (rel=”canonical”), sottolineando le limitazioni nel modo in cui lo utilizzano, affermando che “provano” a utilizzare i canonici interdominio sottolineando anche dove non è raccomandato.

Google questa settimana intendeva pubblicare contemporaneamente aggiornamenti su più pagine con indicazioni sui canonici interdominio, ma invece sono stati pubblicati in modo sfalsato, il che ha causato confusione sul fatto che Google supportasse ancora i canonici interdominio.

Ci sono due modifiche da prendere in considerazione.

1. Google ha chiarito le linee guida sui contenuti duplicati per gli editori di notizie che distribuiscono contenuti in Google News.

Questo è il nuovo contenuto aggiunto alla guida su cosa fare in merito alla diffusione dei contenuti:

"Suggerimento: se si desidera evitare la duplicazione da parte dei partner di syndication, l'elemento di collegamento canonico non è consigliato perché gli articoli pubblicati in syndication sono spesso molto diversi nel contenuto complessivo dagli articoli originali.

Invece, i partner dovrebbero utilizzare i meta tag per bloccare l'indicizzazione dei tuoi contenuti.

Ulteriori informazioni sull'elemento collegamento canonico.

Evita la duplicazione sul tuo sito
Se pubblichi lo stesso articolo su più pagine all'interno del tuo sito, puoi utilizzare l'elemento link rel="canonical".

Scopri come specificare un canonico.“

L'aggiornamento non rappresenta un cambiamento nella politica, ha solo lo scopo di rendere più chiare le linee guida su come evitare la duplicazione durante la diffusione dei contenuti.

2. Google ha anche chiarito la guida sui contenuti che devono essere bloccati da Google News.

In particolare, la modifica è stata apportata per gli editori che ripubblicano l'intero contenuto, ad esempio da servizi di rete, in collaborazione con altri editori o da fonti di dominio pubblico.

Il cambiamento più importante è stato rimuovere la guida che incoraggiava gli editori a prendere in considerazione l'utilizzo del canonico.

La pagina originale conteneva il seguente suggerimento:

"Considera il blocco o il canonico per i contenuti ripubblicati"

La guida aggiornata ora suggerisce questo:

"Prendi in considerazione il blocco per i contenuti ripubblicati"

Inoltre, questa parte è stata modificata per rimuovere il suggerimento di considerare un canonico.

Questo è il suggerimento originale (istantanea di archive.org):

"Google News incoraggia inoltre coloro che ripubblicano materiale a prendere in considerazione il blocco proattivo di tali contenuti o l'uso di canonici, in modo da poter identificare meglio il contenuto originale e accreditarlo in modo appropriato".

E questa è la guida aggiornata che ora manca il suggerimento di aggiungere un canonico:

"Google News incoraggia inoltre i ripubblicatori a considerare di bloccare in modo proattivo questo contenuto, in modo da poter identificare meglio il contenuto originale e accreditarlo in modo appropriato".

È importante notare che le pagine di cui sopra sono considerate una guida e non una dichiarazione di politica.

Ecco perché la guida utilizza la parola "considera", che è diversa dal raccomandare che gli editori "devono" fare qualcosa.

Google rilascia una dichiarazione sull'elemento di collegamento canonico

Google ha offerto a Search Engine Journal la seguente dichiarazione per chiarire che Google supporta ancora l'elemento link canonico.

Hanno scritto nella mail:

“Supportiamo l'elemento collegamento canonico, progettato principalmente per l'uso all'interno di un sito per identificare autonomamente quella che dovrebbe essere considerata la versione canonica di una pagina quando potrebbero esserci duplicati o quasi duplicati.

Cerchiamo anche di supportare canonical tra domini, ma canonical non è raccomandato per coloro che desiderano evitare la duplicazione da parte dei partner di syndication, perché le pagine sono spesso molto diverse.

Abbiamo aggiornato alcune delle nostre linee guida al riguardo per consigliare meglio coloro che distribuiscono contenuti".

Ora è chiaro che Google supporta ancora gli elementi di collegamento canonico interdominio.

Inoltre chiariscono che non è una pratica consigliata per gli editori che vogliono evitare la duplicazione dei contenuti in syndication.

Le Critiche Crescenti Contro Google
Scoprire lo Sviluppo Web: La Programmazione come Arte
Scopri i Top Podcast SEO del 2024 e Mantieniti Aggiornato
Il ruolo delle finestre di dialogo nella progettazione di un'interfaccia utente web
Guida all'Integrazione di ChatGPT sul Tuo Sito Web
Utilizzo efficace di ChatGPT per la ricerca di parole chiave
Automatizzare le Campagne PPC con l'Intelligenza Artificiale Generativa
Aggiungere Coinvolgimento al tuo Sito con uno Sfondo Video CSS
Importanza delle Pagine di Destinazione per la Generazione di Lead e Incremento delle Vendite
Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?