Gli esperti del Digital marketing

Potenzia il tuo business online con Monkey Digital SEO: sfrutta al massimo il potenziale del marketing strategico digitale.

Google Ads aggiorna la politica sui marchi in tutto il mondo

Google Ads aggiorna la politica sui marchi in tutto il mondo

Nel caso te lo fossi perso, Google Ads ha annunciato modifiche significative alla sua politica sui marchi.

Giovedì, Google ha inviato un'e-mail agli inserzionisti che attualmente hanno un reclamo sui marchi depositato presso Google in merito ai prossimi aggiornamenti delle norme. Poiché l'annuncio e-mail è stato inviato a inserzionisti selezionati con un reclamo attivo in archivio, Kirk Williams si è rivolto a Twitter per avvisare altri inserzionisti del settore.

Cosa sta cambiando nella politica sui marchi

Secondo Google, modifiche significative entreranno in vigore il 24 luglio 2023. In particolare, Google ha dichiarato:

A partire dal 24 luglio 2023, accetteremo ed elaboreremo reclami relativi ai marchi solo nei confronti di inserzionisti e/o annunci specifici, anziché di tutti gli inserzionisti del settore del proprietario del marchio.

La migrazione al nuovo sistema di policy avverrà gradualmente nel tempo e man mano che verranno presentati nuovi reclami sui marchi ai sensi della nuova policy.

Qualsiasi restrizione sui marchi implementata prima del 24 luglio verrà gradualmente eliminata per la maggior parte degli inserzionisti nei prossimi 12-18 mesi.

Cosa non viene influenzato dalla nuova politica

Williams ha condiviso in modo più dettagliato ciò che non cambia come parte della politica aggiornata in un post di LinkedIn:

Credito immagine: Kirk Williams, LinkedIn.com, giugno 2023

Per scomporlo, queste politiche specifiche non sono cambiate e continuano a essere sostenute:

  • Gli inserzionisti negli Stati Uniti e nell'UE possono ancora fare offerte per parole chiave associate a marchi. Non possono utilizzare i marchi della concorrenza nella copia dell'annuncio.
  • Alcuni paesi dell'UE potrebbero non consentire la pubblicità su parole chiave associate a marchi. Altri paesi lo hanno recentemente consentito negli ultimi anni.

Cosa significa questo per gli inserzionisti

La nuova norma afferma che i nuovi reclami elaboreranno i reclami sui marchi contro inserzionisti o annunci specifici, non tutti nel settore del proprietario del marchio.

Quando vengono presentati nuovi reclami sui marchi, Google esaminerà solo gli specifici inserzionisti osservati dal proprietario del marchio.

Ginny Marvin, Google Ads Liason, ha ulteriormente spiegato in che modo ciò influisce sugli inserzionisti tramite Twitter.

Marvin ha continuato spiegando le efficienze attese con la nuova politica:

  • I reclami possono ancora essere presentati a livello di inserzionista
  • Riduzione dell'overflagging
  • I proprietari di marchi non dovranno segnalare costantemente quando desiderano autorizzare nuovi account a utilizzare il loro marchio.

Si ipotizza che i marchi più importanti e noti saranno i più colpiti e dovrebbero stare all'erta. A breve termine, la presentazione di nuovi reclami dopo il 24 luglio potrebbe comportare ulteriore lavoro amministrativo.

Ulteriori speculazioni nel thread di Twitter hanno fatto punti validi sull'uso di termini di marchio standard, come "iPhone" o "iPad", nella copia dell'annuncio. Questo fino a quando il proprietario del marchio non presenta un reclamo.

Riepilogo

Se sei un inserzionista che ha già presentato un reclamo relativo a un marchio, tieni d'occhio potenziali nuovi imputati nei prossimi 12-18 mesi.

Per gli inserzionisti che fanno offerte sui termini della concorrenza, l'offerta per le parole chiave relative al brand è ancora accettabile. Includere il nome di un altro proprietario del marchio negli annunci è ancora una violazione.

L'intera politica di Google è disponibile qui: https://support.google.com/adspolicy/answer/6118?hl=it.

Grazie a Kirk Williams per aver individuato l'aggiornamento delle norme e Ginny Marvin per ulteriori chiarimenti per gli inserzionisti.

Immagine di presentazione: Olivier Le Moal/Shutterstock

Le Critiche Crescenti Contro Google
Scoprire lo Sviluppo Web: La Programmazione come Arte
Scopri i Top Podcast SEO del 2024 e Mantieniti Aggiornato
Il ruolo delle finestre di dialogo nella progettazione di un'interfaccia utente web
Guida all'Integrazione di ChatGPT sul Tuo Sito Web
Utilizzo efficace di ChatGPT per la ricerca di parole chiave
Automatizzare le Campagne PPC con l'Intelligenza Artificiale Generativa
Aggiungere Coinvolgimento al tuo Sito con uno Sfondo Video CSS
Importanza delle Pagine di Destinazione per la Generazione di Lead e Incremento delle Vendite
Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?