Gli esperti del Digital marketing

Potenzia il tuo business online con Monkey Digital SEO: sfrutta al massimo il potenziale del marketing strategico digitale.

Google e altri giganti della tecnologia non sono responsabili per contenuti terroristici

Google e altri giganti della tecnologia non sono responsabili per contenuti terroristici

La Corte Suprema ha deciso oggi che le aziende tecnologiche non sono responsabili dei contenuti terroristici pubblicati sulle loro piattaforme.

La causa, avviata dalla famiglia di una vittima di un attacco dell'ISIS del 2017, ha sostenuto che Twitter, Facebook e Google dovrebbero essere ritenuti responsabili per aver consentito all'organizzazione terroristica di utilizzare le loro piattaforme nei suoi sforzi terroristici.

Tuttavia, il tribunale ha deciso all'unanimità che la causa non poteva procedere.

Il giudice Clarence Thomas, scrivendo per la corte unanime nel caso Twitter v. Taamneh, ha chiarito che le piattaforme di social media non sono colpevoli, anche se attori malvagi utilizzano tali piattaforme per fini illegali e talvolta terribili.

L'argomentazione avanzata dalla famiglia della vittima, secondo cui le società tecnologiche dovrebbero essere ritenute responsabili per il presunto fallimento nell'impedire all'ISIS di utilizzare queste piattaforme, mancava del legame necessario tra le società tecnologiche e l'attacco terroristico per stabilire la responsabilità.

Il giudice Ketanji Brown Jackson, in una breve opinione concordante, ha sottolineato che l'opinione della corte era restrittiva per aspetti significativi. Ha suggerito che altri casi con accuse e documenti diversi potrebbero portare a conclusioni diverse.

Impatto del caso Gonzalez contro Google

A seguito della sentenza Twitter, la Corte Suprema ha affrontato il caso Gonzalez contro Google, una causa intentata dalla famiglia di Nohemi Gonzalez, una donna americana di 23 anni uccisa nell'attacco dell'ISIS del 2015 a un caffè parigino.

La famiglia Gonzalez ha sostenuto che Google, attraverso la sua proprietà di YouTube, ha aiutato il reclutamento dell'ISIS consentendo al gruppo terroristico di pubblicare video su YouTube che incitavano alla violenza e cercavano di reclutare potenziali membri dell'ISIS.

La famiglia ha anche affermato che gli algoritmi di Google consigliavano agli utenti i video dell'ISIS.

La Corte d'Appello degli Stati Uniti per il 9° Circuito aveva precedentemente affermato che la Sezione 230 del Communications Decency Act del 1996, che protegge le società tecnologiche dalla responsabilità per i contenuti pubblicati dagli utenti, proteggeva tali raccomandazioni.

Tuttavia, alla luce della decisione di Twitter, la Corte Suprema ha annullato questa sentenza e ha rinviato il caso per un riesame.

La corte si è astenuta dal decidere sulla portata della Sezione 230, suggerendo che è meglio lasciare la questione al Congresso oa un caso futuro.

Alcuni membri del Congresso sono fortemente interessati alla riforma della Sezione 230, ritenendo che offra troppa protezione ai giganti della tecnologia.

L'ufficio del senatore Mark Warner, un critico vocale e sostenitore delle riforme alla Sezione 230, ha fornito una dichiarazione al Search Engine Journal in merito alla decisione nel caso Gonzalez contro Google.

Descrive la Sezione 230 come vecchia e obsoleta, sostenendo che è una "carta per uscire di prigione gratis" per le grandi aziende.

“Da anni ormai dico che il Congresso deve agire per affrontare l'ampia protezione che la Sezione 230 offre alle aziende tecnologiche. Questo statuto antiquato è sopravvissuto alla sua utilità e ha fornito alle più grandi società di piattaforme una "carta per uscire di prigione gratis", poiché i loro siti sono utilizzati da artisti della truffa, molestatori ed estremisti violenti.

Il senatore Warner, tuttavia, chiarisce che non vede la riforma della Sezione 230 come l'apertura delle porte a massicce rivendicazioni di responsabilità contro le società di piattaforme.

“La riforma della Sezione 230 non significa che le piattaforme saranno automaticamente soggette a massicce rivendicazioni di responsabilità; le vittime dovranno comunque dimostrare il loro caso in tribunale”.

In sintesi

Questi casi evidenziano collettivamente il dibattito in corso sulla responsabilità delle aziende tecnologiche nella moderazione dei contenuti generati dagli utenti e la misura in cui possono essere ritenute responsabili per i contenuti dannosi condivisi sulle loro piattaforme.

Le decisioni della Corte Suprema indicano che, almeno per ora, è necessaria una connessione diretta tra le azioni delle società tecnologiche e specifici atti di terrorismo per stabilire la responsabilità legale.

Tuttavia, i commenti della corte suggeriscono che circostanze diverse potrebbero portare a risultati diversi.

Fonti: SCOTO

Immagine in primo piano generata dall'autore utilizzando Midjourney.

Le Critiche Crescenti Contro Google
Scoprire lo Sviluppo Web: La Programmazione come Arte
Scopri i Top Podcast SEO del 2024 e Mantieniti Aggiornato
Il ruolo delle finestre di dialogo nella progettazione di un'interfaccia utente web
Guida all'Integrazione di ChatGPT sul Tuo Sito Web
Utilizzo efficace di ChatGPT per la ricerca di parole chiave
Automatizzare le Campagne PPC con l'Intelligenza Artificiale Generativa
Aggiungere Coinvolgimento al tuo Sito con uno Sfondo Video CSS
Importanza delle Pagine di Destinazione per la Generazione di Lead e Incremento delle Vendite
Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?