Gli esperti del Digital marketing

Potenzia il tuo business online con Monkey Digital SEO: sfrutta al massimo il potenziale del marketing strategico digitale.

Google ristruttura l’azienda per dare priorità al chatbot di Bard AI

Google ristruttura l'azienda per dare priorità al chatbot di Bard AI

CNBC riferisce che Google sta riorganizzando la gerarchia di gestione all'interno della sua divisione di assistenti virtuali, Assistant, per concentrarsi su Bard.

La scorsa settimana, Google ha presentato al pubblico Bard, il suo concorrente ChatGPT, come progetto sperimentale.

Rapporti precedenti indicano che Google ha riallocato i membri del team di vari dipartimenti per concentrarsi su Bard come parte di uno sforzo di "codice rosso".

Il rapporto della CNBC suggerisce che lo sforzo è ancora in corso.

Un promemoria interno inviato mercoledì ai dipendenti di Google ha rivelato i seguenti cambiamenti organizzativi:

  • Jianchang "JC" Mao, che ha svolto un ruolo significativo nel plasmare l'attuale versione di Assistant, lascerà l'azienda per motivi personali.
  • Peeyush Ranjan, un veterano da 16 anni in Google, ricoprirà il ruolo di Mao. Ranjan è stato recentemente vicepresidente dell'organizzazione commerciale di Google.
  • Amar Subramanya, vicepresidente tecnico di Google Assistant, ora guiderà gli sforzi ingegneristici del team di Bard.
  • Trevor Strohman, che in precedenza era a capo delle iniziative ingegneristiche per Bard, continuerà come "Area Tech Lead" per Bard.

Google non ha risposto alle richieste di commento sul rapporto della CNBC.

Confronto tra Assistente Google e Bard

Google Assistant è un'applicazione software di assistente virtuale basata sull'intelligenza artificiale e un programma di elaborazione del linguaggio simile a Siri di Apple o Alexa di Amazon.

Utilizzato comunemente per il riconoscimento vocale, l'Assistente è presente in dispositivi mobili, dispositivi domestici (come lo smartphone Pixel e gli altoparlanti intelligenti Nest), smartwatch, display intelligenti, TV e persino veicoli tramite la piattaforma Android Auto.

I recenti cambi di leadership indicano che la divisione Assistant potrebbe prendere in considerazione l'integrazione della tecnologia Bard in prodotti simili.

Tuttavia, la domanda su come monetizzare questo Bardo rimane senza risposta.

Mentre i dirigenti hanno accennato alla possibilità di utilizzare Bard come prodotto di ricerca, recenti discussioni all'interno della leadership di Bard hanno minimizzato questo caso d'uso.

Assistente Google: una retrospettiva

Google Assistant, lanciato nel 2016, è stato un attore chiave nel mercato degli assistenti virtuali, ma successi e sfide hanno segnato il suo viaggio.

Ecco un breve sguardo alla storia dell'Assistente Google, esaminandone la crescita, i risultati e le battute d'arresto.

La nascita dell'Assistente Google

Introdotto all'evento Google I/O nel maggio 2016, Assistant è stato presentato come un aggiornamento di Google Now, la sua precedente tecnologia di assistente vocale.

L'Assistente Google era inizialmente un'esclusiva dei telefoni Google Pixel e degli smart speaker di Google Home.

Alla fine si è esteso a telefoni Android, TV, smartwatch e persino automobili attraverso la piattaforma Android Auto.

Trionfi: espansione e integrazione

I trionfi più importanti di Google Assistant includono la sua rapida espansione e integrazione in vari dispositivi e piattaforme.

Nel 2018, l'Assistente Google era disponibile su oltre 500 milioni di dispositivi ed era cresciuto fino a supportare 30 lingue in 80 paesi.

La rapida adozione di Google Assistant è stata in parte dovuta alla sua capacità di lavorare con smartphone e dispositivi domestici intelligenti.

Inoltre, Assistant è un collegamento tra i servizi Google come Gmail e Maps, rendendolo ideale per gli utenti che dipendono da tali strumenti.

Battute d'arresto: problemi di privacy e concorrenza

Nonostante i suoi successi, l'Assistente Google ha affrontato la sua parte di battute d'arresto.

Le preoccupazioni sulla privacy sono in corso poiché Google ha affrontato il controllo su come gestisce i dati e le registrazioni degli utenti.

Nel 2019, Google ha confermato che i revisori umani hanno ascoltato una piccola percentuale di registrazioni audio per migliorare le prestazioni dell'Assistente.

Questa rivelazione ha suscitato preoccupazioni sulla privacy degli utenti, portando Google a introdurre ulteriori misure sulla privacy e semplificare la gestione dei propri dati.

L'Assistente Google ha anche affrontato la dura concorrenza di altre grandi aziende.

Alexa di Amazon e Siri di Apple sono i principali rivali nel mondo degli assistenti virtuali, con Alexa leader nel mercato degli altoparlanti intelligenti.

Una continua spinta all'espansione, all'integrazione e al miglioramento ha segnato la storia dell'Assistente Google.

L'Assistente Google è stato un attore significativo nel mercato degli assistenti virtuali dal 2016, anche se la sua traiettoria futura non è mai stata così incerta.

Foto di presentazione: Mojahid Mottakin/Shutterstock

Le Critiche Crescenti Contro Google
Scoprire lo Sviluppo Web: La Programmazione come Arte
Scopri i Top Podcast SEO del 2024 e Mantieniti Aggiornato
Il ruolo delle finestre di dialogo nella progettazione di un'interfaccia utente web
Guida all'Integrazione di ChatGPT sul Tuo Sito Web
Utilizzo efficace di ChatGPT per la ricerca di parole chiave
Automatizzare le Campagne PPC con l'Intelligenza Artificiale Generativa
Aggiungere Coinvolgimento al tuo Sito con uno Sfondo Video CSS
Importanza delle Pagine di Destinazione per la Generazione di Lead e Incremento delle Vendite
Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?