Gli esperti della Link Building

Su Seowebsite ricevi sempre i migliori link al miglior prezzo

Il creatore di ChatGPT deve affrontare diverse cause legali per violazione del copyright e della privacy

Il creatore di ChatGPT deve affrontare diverse cause legali per violazione del copyright e della privacy

OpenAI, la società che ha creato ChatGPT, sta affrontando una causa legale in cui sostiene che OpenAI ha utilizzato libri protetti da copyright senza autorizzazione per addestrare i suoi sistemi di intelligenza artificiale.

La causa è stata intentata presso il tribunale federale di San Francisco e ha affermato che OpenAI ha copiato illegalmente il testo dai libri non ottenendo il consenso dai detentori del copyright, accreditandoli o compensandoli.

Questa causa non è il primo problema legale che OpenAI ha dovuto affrontare di recente. Mentre i legislatori lavorano per regolamentare il settore dell'intelligenza artificiale in rapida crescita, OpenAI è stato citato in giudizio in un'altra azione legale collettiva.

Quell'altra causa sostiene che i modelli di apprendimento automatico di OpenAI, inclusi ChatGPT e DALL-E, raccolgono illegalmente le informazioni personali delle persone da Internet, violando varie leggi sulla privacy.

Gli esiti di queste cause legali potrebbero costituire importanti precedenti in materia di intelligenza artificiale, copyright e privacy che plasmeranno il panorama normativo in futuro.

Accuse di violazione del copyright

Due autori hanno intentato una causa sostenendo che il modello linguistico ChatGPT di OpenAI ha copiato e utilizzato i loro libri senza permesso.

La causa, Tremblay v. OpenAI Inc, afferma che ChatGPT può riassumere accuratamente i libri di fantascienza e horror degli autori. Ciò suggerisce che il chatbot abbia letto e assorbito i loro lavori.

Indicando un documento OpenAI del 2020, la causa rileva che il 15% dei dati utilizzati per addestrare ChatGPT proveniva da "due corpora di libri basati su Internet".

Gli autori ritengono che un set di dati contenesse oltre 290.000 titoli di libri di "biblioteche ombra" come Library Genesis e Sci-Hub, che pubblicano illegalmente migliaia di libri protetti da copyright.

Gli autori affermano che ChatGPT ha violato la legge sul copyright rimuovendo gli avvisi di copyright da questi libri.

Violazioni della privacy e furto di dati

La scorsa settimana è stata intentata una lunga causa contro OpenAI in cui si afferma che due dei loro modelli di intelligenza artificiale, ChatGPT e DALL-E, sono stati addestrati utilizzando centinaia di milioni di dati di persone senza il dovuto consenso.

La causa, intitolata PM v. OpenAI LP, afferma che OpenAI ottiene informazioni private da persone che utilizzano direttamente i loro sistemi di intelligenza artificiale e altre applicazioni che incorporano ChatGPT. La denuncia sostiene che questa raccolta e utilizzo dei dati viola le leggi sulla privacy, in particolare per i dati dei bambini.

La causa afferma che OpenAI ha integrato i suoi sistemi con piattaforme come Snapchat, Spotify, Stripe, Slack e Microsoft Teams. OpenAI è accusato di raccogliere segretamente immagini, posizioni, gusti musicali, dettagli finanziari e comunicazioni private degli utenti attraverso queste integrazioni.

La causa sostiene che questa raccolta di dati viola i termini di servizio di queste piattaforme e le leggi sulla privacy e costituisce un accesso non autorizzato alle informazioni delle persone.

La denuncia nomina 16 querelanti che hanno utilizzato servizi online e ritengono che OpenAI abbia preso i loro dati senza autorizzazione.

OpenAI non ha risposto alla richiesta di commentare la causa.

Potenziali conseguenze per OpenAI

OpenAI potrebbe subire sanzioni finanziarie significative se il tribunale favorisce i querelanti, il che potrebbe danneggiare la stabilità finanziaria e la capacità di OpenAI di raccogliere fondi.

Alcune delle possibili ramificazioni includono:

  • Le azioni legali potrebbero danneggiare la reputazione e la fiducia di OpenAI tra le principali parti interessate come utenti, partner e investitori.
  • Le autorità di regolamentazione possono esaminare più da vicino OpenAI, portando a regole e requisiti di conformità più severi.
  • Se si scopre che l'utilizzo di dati protetti da copyright per addestrare modelli di intelligenza artificiale viola il copyright, OpenAI e altri potrebbero dover cambiare il modo in cui raccolgono e utilizzano i dati.
  • A seconda delle sentenze, le aziende che utilizzano ChatGPT o altri prodotti OpenAI possono ripensare tali relazioni per proteggere la propria reputazione e la privacy degli utenti.

In sintesi

OpenAI è al centro di diverse cause legali che potrebbero avere un impatto sul campo dell'intelligenza artificiale stabilendo regole importanti su copyright, privacy e modalità di utilizzo dei dati.

Per chiunque segua l'IA, è importante tenere il passo con l'evoluzione di queste cause legali e pensare a come potrebbero portare a nuove leggi e politiche, cambiare il modo in cui viene costruita la tecnologia AI e richiedere alle aziende di adeguare il modo in cui progettano e offrono prodotti e servizi AI.

Immagine di presentazione: Ascannio/Shutterstock

Come ho costruito il mio primo sito web: il blog
Il nuovo gesto di ricerca basato sull'intelligenza artificiale per Android
TikTok guadagna terreno come motore di ricerca tra la generazione Z [STUDY]
10 problemi SEO che non sapevi di avere: come risolverli
I brevi video stanno ridefinendo il marketing
10 best practice per la ricerca a pagamento e la pianificazione PPC
Query Deserves Ads
Google apparently ranks Reddit posts within minutes
Che cos'è il Fluid Design e come viene utilizzato sui siti Web?
Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?