Gli esperti del Digital marketing

Potenzia il tuo business online con Monkey Digital SEO: sfrutta al massimo il potenziale del marketing strategico digitale.

La presentazione di Google può cambiare il modo in cui pensiamo al posizionamento

La presentazione di Google può cambiare il modo in cui pensiamo al posizionamento

Danny Sullivan di Google ha pubblicato i dettagli di una sua recente presentazione incentrata su come la comunità SEO potrebbe aver frainteso il funzionamento delle classifiche di ricerca, imputando l'incomprensione alla guida e alla documentazione di Google.

Uno degli esempi che ha fornito è stato come praticamente l'intero settore editoriale abbia adottato l'idea di aggiungere pagine e sottotitoli dell'autore basandosi sull'idea che l'algoritmo di Google lo stesse cercando quando in realtà Google non lo fa (secondo Danny Sullivan di Google).

Tuttavia, il punto principale della presentazione non era il fatto che Google non cerca le pagine degli autori.

L'argomento della presentazione era come le linee guida di Google potrebbero non tenere sufficientemente conto del modo in cui coloro che sono al di fuori di Google potrebbero interpretarle.

Danny ha scritto:

“Il divario tra ciò che Google dice ai creatori e ciò che i creatori sentono riguardo al successo nella Ricerca Google deve migliorare. Dipende in gran parte da noi.

E' qualcosa su cui lavoreremo. I contenuti incentrati sulle persone rimangono la strada verso il successo, ma speriamo di poter trovare modi migliori per comunicarlo…”

Ha usato come esempio di come alcuni SEO prendono ciò che è nella loro documentazione o nelle valutazioni della qualità della ricerca troppo alla lettera quando Google in realtà intendeva ciò che era scritto in un senso ampio e non in un senso specifico.

Danny ha utilizzato come esempio la documentazione su come valutare una pagina web, che è stata interpretata come un'indicazione di cosa si trova nell'algoritmo di ranking di Google.

Danny ha spiegato:

“La nostra guida riguarda generalmente un obiettivo ampio.

Ad esempio, consigliamo alle persone di pensare al contenuto del prodotto in un modo che *ti faccia venir voglia di fidarti di esso* (non di Google, di te o di un lettore) con esempi di ciò che potrebbe indurre le persone a fidarsi del contenuto, come il background di un autore…."

Danny intende dire che quando Google dice di valutare i tuoi contenuti dal punto di vista se infonde fiducia con funzionalità come una pagina dell'autore, Google non sta dicendo che il loro algoritmo sta cercando le pagine dell'autore. Google sta solo dicendo di valutare il tuo sito in questo modo.

Danny ha parlato della sfida di comunicare ciò che Google vuole:

"Le persone si concentrano su di noi quando parliamo di una pagina dell'autore come di qualcosa che le persone potrebbero aspettarsi da contenuti incentrati sulle persone e credono che Google stesso voglia quella cosa specifica, come se dovessimo verificarla e classificare meglio i contenuti per averla (noi non)."

Come i SEO dovrebbero avvicinarsi alla documentazione di Google

La parte successiva della presentazione di Danny è notevole perché cambia completamente il modo in cui dovremmo pensare agli algoritmi di Google in base a ciò che è contenuto nella documentazione di Google. Il passo successivo è ripensare ciò che generalmente si intende su come Google classifica i siti web.

Danny ha presentato una diapositiva con una citazione dalla documentazione di Google, con le parti su cui alcuni SEO si concentrano erroneamente.

La prima diapositiva mostra cosa dice la documentazione:

Quello che diciamo: un obiettivo ampio
"Il contenuto presenta le informazioni in un modo che invoglia a fidarsi di esso, ad esempio fonti chiare, prove delle competenze coinvolte, background sull'autore o sul sito che lo pubblica, ad esempio tramite collegamenti alla pagina di un autore o a quella di un sito?" A proposito della pagina?'”

La seconda diapositiva è lo stesso passaggio ma con ciò che i SEO ne ricavano:

  • retroscena sull'autore
  • collegamenti a una pagina dell'autore
  • A proposito della pagina?"

Danny prosegue spiegando come quelle sezioni selezionate di ciò che Google consiglia vengono poi trasformate in consigli per cose che Google non aveva mai previsto.

E ancora, va sottolineato che Danny non stava puntando il dito contro i SEO. Si assumeva la responsabilità della mancata comunicazione chiara della documentazione tenendo conto di come sarebbe stata percepita dall'esterno.

Ha pubblicato:

"A complicare ulteriormente le cose, alcuni leggono le nostre linee guida e danno consigli definitivi che in realtà non stiamo dicendo, come "Se hai una pagina Informazioni, ti classificherai meglio!"

Tu no.

Non funziona così”.

Danny incoraggia un pensiero più critico

Danny ha poi chiesto ai SEO di pensare in modo più critico a ciò che le persone dicono loro, di guardare più da vicino ciò che dicono alcuni SEO.

Ha spiegato che c'è differenza tra qualcuno che esprime un'opinione su ciò in cui crede e qualcuno che dice che questo è ciò che fa Google.

Danny ha consigliato:

“Niente nel ranking di Google – o nella vita in generale – è così semplice.

Se qualcuno ti dice "questo è ciò che Google dice di fare", sta chiarendo se è ciò che effettivamente abbiamo detto o se è la loro interpretazione?"

Vero significato della guida di Google?

Un aspetto importante è stata la parte della sua presentazione dedicata a spiegare che gran parte della documentazione per gli aggiornamenti recenti era essenzialmente un rimaneggiamento delle stesse linee guida di decenni e non realmente nuova o specifica per questi recenti aggiornamenti.

Ed è vero che Google consiglia da decenni la stessa cosa: essere utili e mettere al primo posto le persone.

L'unica differenza tra allora e adesso è che allora sapevamo tutti che Google non aveva la tecnologia per creare segnali di ranking che corrispondessero a ciò che stavano cercando di classificare.

Quando Google oggi dice la stessa cosa è sullo sfondo dell'intelligenza artificiale, delle reti neurali e dell'apprendimento automatico.

Quindi, a differenza del 2002 o del 2011, tendiamo ad accettare che sia plausibile che ciò che è contenuto nella documentazione sia anche nell'algoritmo, in una forma o nell'altra.

Danny ha condiviso un fatto sorprendente:

"Alcune persone con cui ho interagito nelle ultime settimane ritengono che la nostra guida per il successo con Ricerca Google sia nuova e che ora debbano fare qualcosa di diverso.

Ma per noi di Google questo crea confusione, perché non è una novità.

La guida si basa su indicazioni vecchie di anni e persino di decenni…”

Ha poi pubblicato le seguenti diapositive per mostrare come non vi sia alcuna differenza tra i consigli di Google di allora e quelli di oggi.

Guida dal 2022

Guida dal 2011

La guida del 2002 è la stessa della guida People-First di oggi

Ciò cambia il modo in cui pensiamo alle linee guida di Google

Questo dovrebbe davvero dare a tutti una pausa su come dovremmo considerare la guida di Google.

Di conseguenza, ciò potrebbe anche cambiare il modo in cui dovremmo pensare agli algoritmi di Google.

All'inizio di questa settimana il punto forte della presentazione di Danny Sullivan è stata la sua dichiarazione di "allacciarsi le cinture", una dichiarazione che è stata presa fuori contesto per significare che erano in arrivo aggiornamenti dirompenti.

Ciò che Danny ha effettivamente detto nella sua presentazione è stato molto più significativo di quella frase estrapolata dal contesto. Come si può vedere chiaramente ora, l'industria SEO potrebbe voler prendere in considerazione l'idea di rallentare per ripensare la documentazione di Google perché anche Google potrebbe fare lo stesso.

Leggi il post di Danny Sullivan su Mastodon

Le Critiche Crescenti Contro Google
Scoprire lo Sviluppo Web: La Programmazione come Arte
Scopri i Top Podcast SEO del 2024 e Mantieniti Aggiornato
Il ruolo delle finestre di dialogo nella progettazione di un'interfaccia utente web
Guida all'Integrazione di ChatGPT sul Tuo Sito Web
Utilizzo efficace di ChatGPT per la ricerca di parole chiave
Automatizzare le Campagne PPC con l'Intelligenza Artificiale Generativa
Aggiungere Coinvolgimento al tuo Sito con uno Sfondo Video CSS
Importanza delle Pagine di Destinazione per la Generazione di Lead e Incremento delle Vendite
Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?