Gli esperti del Digital marketing

Potenzia il tuo business online con Monkey Digital SEO: sfrutta al massimo il potenziale del marketing strategico digitale.

L’aggiornamento dei contenuti utili ha influito sui contenuti SEO?

Has the Helpful Content Update Impacted SEO Content?

La domanda Fai una domanda SEO di questa settimana proviene da Nicole, che scrive:

"Come pensi che questo aggiornamento (Contenuti utili) e il linguaggio utilizzato da Google influiranno sul settore SEO e su come la SEO viene percepita nel campo del marketing?"

Grazie, Nicole, domanda interessante.

Comprendere l'"Aggiornamento dei contenuti utili"

Come professionisti SEO, dobbiamo ricordare che alla maggior parte delle persone non interessa ciò che dice Google e probabilmente non ne leggerà mai una parola. Ciò include altri esperti di marketing, leadership di livello C e altri dipartimenti.

Sappiamo che l'utile aggiornamento dei contenuti ha l'obiettivo di garantire che i contenuti eliminino la confusione e forniscano una soluzione, ma le linee guida di Google non interessano a nessuno tranne che a noi.

È nostro compito insegnare quali sono i contenuti "utili" e perché sono importanti, quindi fare riferimento alla documentazione di Google quando viene chiesto dove possono convalidarli.

Ma è probabile che la persona scorrerà rapidamente e non leggerà in dettaglio come te o me.

Suggerimento da professionista: Utilizzo strumenti non SEO per sostenere il mio caso.

Utilizzo di strumenti non SEO per dimostrare il tuo punto

Mouseflow e Hotjar sono ottimi per mostrare guadagni e perdite di entrate, nonché l'aumento dei clic in una canalizzazione di conversione.

Rendendo una pagina più “SEO friendly” per l'utile aggiornamento dei contenuti, puoi dimostrare che la rimozione di immagini, testi, ecc. in eccesso porta a una migliore UX e un flusso di entrate per l'azienda.

Utilizzando strumenti con cui gli altri team hanno familiarità, presenti il ​​tuo caso dal loro punto di vista rispetto a quello SEO. Questo va molto lontano.

Marchio vs. SEO: trovare l'equilibrio

Il brand vorrà comunque raccontare la storia della pagina, il che potrebbe comportare una formulazione meno specifica perché essere diretti è “off-brand”.

Un professionista del branding probabilmente considera le parole del branding come “utili” per il consumatore rispetto a ciò che Google e un professionista SEO considererebbero utili. Il racconto della storia potrebbe anche comportare l'utilizzo di una dicitura di cui il consumatore non ha sentito parlare, ma la dicitura è "sul marchio".

Non c'è niente di sbagliato neanche in questo. Il nostro lavoro come professionisti SEO è avere un piano di riserva.

Suggerimento da professionista: assegna le pagine destinate al posizionamento e le pagine non destinate al posizionamento. L'utile aggiornamento del contenuto è un classificatore a livello di sito, ma non pensarci troppo.

Lascia che la home page venga visualizzata per le frasi con il tuo marchio, cosa che accadrà, e lascia che il brand la marchi.

In questo modo, potresti essere in grado di prendere categorie, servizi e prodotti e ottimizzarli per l'utente e il SEO. E puoi consentire a PPC di utilizzare il linguaggio diretto rispetto al linguaggio di branding nelle loro campagne, il che avvalora ulteriormente la tua tesi a favore del sito principale.

Superare le maniglie dei team di vendita e annunci

Il branding non è l'unico ostacolo che dobbiamo affrontare quando si tratta di utili aggiornamenti di contenuti.

Le vendite potrebbero richiedere un forte invito all'azione o una presentazione di vendita nel primo o nel secondo paragrafo perché ritengono che una chiamata con la persona sia utile. È anche così che possano ottenere una risposta (e un indizio).

Come esperti SEO, sappiamo che la pagina deve prima fornire una risposta al visitatore e poi passare alla presentazione di vendita e alla chiamata.

Rispondendo prima alla domanda dell'utente e dimostrando che siamo una soluzione, possiamo trasformare un lead freddo in caldo e aumentare le conversioni del team di vendita.

E come professionisti SEO, dobbiamo esprimerlo in un modo che sia in sintonia con il team di vendita.

Poi ci sono i team pubblicitari. Se il tuo sito web guadagna attraverso la pubblicità o gli affiliati, probabilmente vorranno il costo per mille (CPM) e gli annunci di affiliazione in primo piano, anche se ciò blocca i contenuti e le soluzioni.

Utilizzo di strumenti SEO di terze parti

Suggerimento da professionista: invece di aspettare che Google penalizzi il sito in modo da poter sostenere la tua causa, utilizza strumenti SEO di terze parti come Semrush, Ahrefs e Moz per mostrare i cali di traffico dei concorrenti.

Combina i drop con gli screenshot della Way Back Machine e mostra cosa è successo per causare il drop. Per quelli che hanno recuperato, puoi mostrare come è cambiata l'esperienza sulla pagina.

La prospettiva più ampia: la valutazione a livello di sito di Google

Ora arriva la parte divertente: parlare la lingua degli altri.

La maggior parte delle persone che non sono professionisti SEO considereranno i contenuti SEO un insieme di parole chiave inserite nel testo, nelle intestazioni e nei titoli.

E presumono che tu debba avere una certa lunghezza o numero di parole. Nessuno dei due è vero e, poiché non leggeranno le parole sulle linee guida sui contenuti utili, tali linee guida non cambieranno idea.

Spetta a te educarli e condividere che l'utile aggiornamento dei contenuti non riguarda solo i contenuti; è l'esperienza completa del sito.

Uno dei maggiori cambiamenti con l'utile aggiornamento dei contenuti è che Google esamina il tuo sito web nel suo insieme, non ogni pagina individualmente.

Segregazione dei contenuti: cliente vs. Aziendale

Un ostacolo che incontro durante gli audit SEO è quando le pubbliche relazioni pubblicano ogni pubblicazione sul blog e le risorse umane pubblicano gli annunci aziendali.

In alcuni casi, anche il team del prodotto pubblica aggiornamenti settimanali. Alcuni di questi possono essere “utili”, ma la maggior parte non lo è.

In questa situazione, il contenuto “utile” non è più primario, poiché viene sepolto sotto cose che non sono importanti per i potenziali clienti.

Danneggia la tua capacità di acquisire clienti perché il blog è meno “utile”. Qualcuno che non ha fatto acquisti con te o non ha iniziato a utilizzare i tuoi servizi non ha bisogno di conoscere le ultime correzioni di bug o le funzionalità lanciate. Impareranno a conoscerli nelle pagine dei tuoi prodotti o servizi e nella tua canalizzazione di vendita.

E a loro non importa che qualcuno sia stato promosso o che tu abbia fatto un barbecue di squadra al picnic aziendale. Questo conta solo per il team delle risorse umane.

Affinché il blog sia utile, la maggior parte dei contenuti dovrebbe essere interessante per i nuovi clienti e informativo per quelli attuali, in modo che vogliano fare clic e leggere di più.

Nella situazione precedente, creiamo due aree di contenuto separate.

Uno per i clienti attuali per ricevere aggiornamenti e questo contenuto può esistere internamente all'interno della tua interfaccia. Puoi anche impostarlo in una cartella del blog a cui blocchi la scansione in robots.txt. Anche qui l'archiviazione funziona benissimo.

Per motivi di ordine, lo divido e creo un blog aziendale che parli di annunci ed eventi e consenta alle persone di condividere le proprie storie con i propri team e con l'organizzazione internamente.

Potremmo anche impostare un URL separato in modo che il blog aziendale non abbia alcun impatto sul sito del cliente. In questo modo, mostra ai team chi costituisce il pubblico e non toglie informazioni utili sul sito di conversione.

La cartina di tornasole dei “Contenuti utili”.

Quando spiego contenuti "utili" agli altri membri del team, mi piace fare una cartina di tornasole come il suggerimento professionale sopra.

Se sono di persona con il cliente, prendiamo la versione che ha creato e una versione che creo io, e vediamo cosa dice la gente dopo essere stata esposta ad entrambe. Esci in un bar o chiedi a sconosciuti che sembrano corrispondere al tuo profilo cliente di assorbire uno o entrambi i pezzi.

L'obiettivo è ottenere un numero uguale di risposte, quindi è giusto. Ancora più importante è porre le domande giuste.

Ecco un esempio.

Prendi il tag del titolo e il primo o due paragrafi del contenuto e separali. Fai questo sia per il pezzo non SEO (rendilo A) che per il pezzo SEO (rendilo B).

Chiedi allo sconosciuto di leggere i paragrafi del pezzo A e chiedigli quale dovrebbe essere il titolo. Se corrisponde all'obiettivo della pagina, è stato utile e sufficientemente pertinente per l'attualità da poter essere superato.

Se non sono sicuri o esitano, il contenuto non è pertinente all'attualità. E questo test può essere invertito.

Pronuncia il primo titolo (non SEO) alla persona e chiedigli cosa imparerà se accederà alla pagina web. Se non lo sanno, il titolo non è abbastanza utile da indurli a fare clic.

Se hai la posizione 1 nella SERP, ma la posizione 2 parla direttamente a loro, parte del tuo traffico probabilmente ignorerà il tuo sito per quello successivo.

Se condividi entrambe le versioni contemporaneamente, chiedi alla persona di dirti quale la porterà a trovare una soluzione e quale ritiene sia stata più utile per lei.

Se dicono solo "questo", chiedi un follow-up per ottenere il "perché".

Molte volte, si scopre che il contenuto SEO vince perché tendiamo a scrivere soluzioni senza fronzoli e presentazioni. Effettuiamo anche ricerche sulle entità e osserviamo il linguaggio, il tono e il gergo utilizzati dai nostri potenziali utenti.

In questo modo possiamo parlare con loro e al livello in cui assorbono i contenuti. Ed è per questo che i nostri contenuti sono più “utili”. Supponendo che tu non sia un infarcito di parole chiave.

Cambiare la percezione dei contenuti “utili”.

Se altre persone leggessero le linee guida di Google, la formulazione dell'utile aggiornamento dei contenuti dovrebbe avere un bell'impatto. Non solo sulla SEO ma sull’esperienza del cliente e dell’utente del tuo sito web nel suo insieme.

Tuttavia, i professionisti non SEO sono impegnati con i loro team, i loro canali e i loro dipartimenti.

Non lo leggeranno, quindi la nuova formulazione e le nuove linee guida non cambieranno la loro percezione di cosa sia “utile”. Spetta a te, come professionista SEO, farlo e puoi fare riferimento a questa guida per spiegare il “perché” le cose dovrebbero cambiare.

Spero che questo aiuti a rispondere alla domanda e grazie per averla posta.

Più risorse:

Immagine in primo piano: eamesBot/Shutterstock

Le Critiche Crescenti Contro Google
Scoprire lo Sviluppo Web: La Programmazione come Arte
Scopri i Top Podcast SEO del 2024 e Mantieniti Aggiornato
Il ruolo delle finestre di dialogo nella progettazione di un'interfaccia utente web
Guida all'Integrazione di ChatGPT sul Tuo Sito Web
Utilizzo efficace di ChatGPT per la ricerca di parole chiave
Automatizzare le Campagne PPC con l'Intelligenza Artificiale Generativa
Aggiungere Coinvolgimento al tuo Sito con uno Sfondo Video CSS
Importanza delle Pagine di Destinazione per la Generazione di Lead e Incremento delle Vendite
Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?