Gli esperti della Link Building

Su Seowebsite ricevi sempre i migliori link al miglior prezzo

Libertà di parola sui social media: quali sono i limiti?

Libertà di parola sui social media: quali sono i limiti?

I media tradizionali sono stati spesso caratterizzati dalle loro inaccessibili barriere all'ingresso.

I costi associati alla distribuzione di contenuti nelle principali pubblicazioni erano, e sono tuttora, un importante deterrente per le parti che cercano di esporre i propri messaggi a un pubblico più vasto.

È stata l'industrializzazione della carta stampata a offrire l'opportunità di raggiungere le masse su una scala senza precedenti.

Tuttavia, è stato lo stesso meccanismo innovativo che ha consentito alle aziende di diffondere ampiamente le loro pubblicazioni, limitando ulteriormente la demografia della classe operaia dal propagare le loro opinioni.

La limitazione dei canali tradizionali

In Power Without Responsibility, Curran e Seaton esaminano la storia dei media britannici. Hanno scoperto che le pubblicazioni marginali che si rivolgono a un pubblico proletario hanno visto un forte declino a metà del XIX secolo, che è durato per molti decenni.

Ciò può essere attribuito all'esorbitante capitale finanziario richiesto per sfruttare i media tradizionali, che si riflette nelle tendenze storiche sul valore delle imprese dei giornali.

Nel 1851, una pubblicazione con sede a New York City intitolata St. Louis Democrat fu venduta per $ 456.000; nel 1920, pubblicazioni localizzate simili erano valutate da $ 6 a $ 18 milioni.

Come risultato di questa tendenza, i media degli ultimi due secoli sono stati ampiamente influenzati da pochi gruppi selezionati che avevano gli unici mezzi per sfruttarli.

Questa proprietà concentrata dei canali media ha visto una mancanza di diversità che era così critica da poter essere paragonata all'assolutismo.

Per tutto il 20° secolo, molte nazioni hanno ritenuto necessario far rispettare la legislazione che mirava a controllare la proprietà dei mass media. Ad esempio, l'Australia ha introdotto il Broadcasting Services Act 1992.

Ciò ha fatto ben poco per alleviare il problema, poiché nel 2011 11 dei 12 principali quotidiani australiani erano di proprietà di due pubblicazioni.

Sembrava che anche le nazioni governate da amministrazioni democratiche liberali fossero impermeabili alle limitazioni che le principali pubblicazioni imponevano alla loro libertà di parola.

Questo fino alla concezione dei social media.

L'ascesa dei social media

Non è un segreto che i canali digitali stiano diventando esponenzialmente più popolari di giorno in giorno, mentre i media tradizionali sono in declino.

Ciò può essere corroborato dalle statistiche che indicano che gli utenti ora trascorrono quasi il doppio del tempo a interagire con i canali digitali rispetto ai media tradizionali.

È ulteriormente esemplificato dal fatto che le pubblicazioni dei giornali hanno registrato un calo delle entrate di oltre il 50% negli ultimi due decenni.

Un articolo del Search Engine Journal scritto da Shelley Walsh, intitolato What Is Social Media? afferma che:

“A partire dal 2021, l'84% della popolazione statunitense utilizza almeno una rete di social media. La sola Cina ha 1 miliardo di utenti di social media e 4,65 miliardi di persone utilizzano i social media in tutto il mondo. Questo è il 58,7% (più della metà) della popolazione mondiale”.

È sicuro affermare che i social media fanno ormai parte della nostra vita quotidiana. Questo è illustrato attraverso le generazioni più giovani.

Uno studio che ha intervistato oltre 2.000 genitori britannici ha rivelato che il 14% dei bambini aveva espresso interesse a perseguire una carriera come influencer o Youtuber.

Cosa rende i social media così popolari?

Cosa ha reso i social media così allettanti nello zeitgeist?

Oltre al fatto che queste piattaforme sono state progettate intenzionalmente per creare dipendenza, offrono anche agli utenti la possibilità di connettersi con i loro colleghi.

Uno studio mostra che il 47,1% dei suoi partecipanti afferma di utilizzare i social media principalmente per mantenere i contatti con amici e familiari.

Tuttavia, nel contesto della libertà di parola, la popolarità di queste piattaforme potrebbe essere attribuita a ragioni separate.

Nella sua infanzia, i social media hanno permesso a chiunque avesse una connessione Internet e un dispositivo digitale sufficiente di dire praticamente tutto ciò che voleva online.

Dopo decenni in cui si sono limitati a consumare contenuti banali sfornati dalle aziende, molti hanno apprezzato queste piattaforme per fornire una boccata d'aria fresca.

Il materiale sovversivo, che era diverso da qualsiasi contenuto trasmesso sui canali tradizionali, si è rivelato un successo immediato e ha rapidamente accumulato un pubblico sbalorditivo. Contenuti di questa natura furono presto soprannominati "virali".

L'avvento di questa sensazione ha dimostrato che non era più essenziale disporre di un valore di produzione significativo per creare contenuti né di un budget di marketing per pubblicarli.

La viralità sembra essersi spostata dai singoli video e piuttosto a un certo tipo di video, che viene poi replicato da altri utenti, perpetuandone la popolarità.

È solo ogni due giorni che vengo a conoscenza di una tendenza emergente di TikTok.

Questo non sarebbe necessariamente un problema se non fosse per molti di loro che comportano sfide dannose, alcune delle quali si sono rivelate fatali e hanno portato alla morte di diverse persone.

Come accennato in precedenza, molti bambini interagiscono con queste piattaforme e sono esposti a questi contenuti pericolosi.

Questo è solo uno dei motivi per cui le discussioni sulla regolamentazione dei social media continuano a diventare più diffuse.

Sebbene la censura di contenuti così frivoli possa sembrare insignificante, può avere notevoli implicazioni nel mondo reale.

In che modo i social media limitano la nostra libertà di parola?

Non è raro che i marchi moderino i contenuti sui loro siti web.

In effetti, tutte le principali piattaforme di social media hanno Termini di servizio in atto, che delineano ciò che è e non è accettabile pubblicare sulle loro piattaforme. Queste regole sono messe in atto per proteggere i loro utenti e ridurre il loro rischio di responsabilità.

I contenuti generalmente vietati sulla maggior parte delle piattaforme di social media sono post che includono sangue, sfruttamento di minori, incitamento all'odio, immagini sessualmente esplicite, promozione dell'autolesionismo, divulgazione di informazioni private senza consenso (doxing), diffusione di disinformazione e altro ancora.

Ecco le regole di Twitter se desideri esaminare un elenco completo di esempi.

Le piattaforme regolamentate vengono accolte in modo più favorevole rispetto ai siti Web che offrono poca moderazione, come 4chan.

Ciò che distingue 4chan dalla maggior parte delle altre piattaforme di condivisione social è che incoraggiano gli utenti a pubblicare in modo anonimo.

La piattaforma consente inoltre agli utenti di pubblicare contenuti che altrimenti sarebbero considerati troppo estremi per la maggior parte degli altri principali siti di social media.

Di conseguenza, 4chan viene regolarmente criticato dai media e si è guadagnato una famigerata reputazione.

L'immensa popolarità delle principali piattaforme social e il disprezzo della società per i siti Web adattati alle comunità radicali indicano che gli utenti di Internet sono generalmente tolleranti nei confronti di alcune limitazioni alla loro libertà di parola, purché il contenuto che viene censurato sia intrinsecamente dannoso.

Quando è un problema?

È facile valutare la nostra sicurezza e il nostro benessere al di sopra della libera libertà di parola quando il contenuto che stiamo censurando non fornisce alcun valore e serve solo a offendere.

Ma dove tracciamo la linea? Una grande controversia che ha portato questa questione alla ribalta è stata l'impatto dei social media sulle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 2016.

Le discussioni risultanti implicavano che le piattaforme dei social media sembravano destinate a rappresentare una minaccia simile a quella che la proprietà dei media tradizionali concentrata infligge alla democrazia.

Meta, che possiede Facebook, Instagram e WhatsApp, è l'ottava più grande organizzazione di lobbismo negli Stati Uniti, avendo speso oltre $ 15 milioni in totale in attività di lobbying.

La maggior parte dei contributi di Meta è stata ricevuta dal Partito Democratico.

Le donazioni politiche di Twitter seguono una tendenza simile. Per questo motivo, alcuni si sono allarmati quando Twitter ha presumibilmente iniziato a mettere al bando figure di spicco che si opponevano al loro partito politico preferito.

Il divieto ombra si verifica quando una piattaforma di social media o un sito Web impedisce a contenuti o account di apparire ad altri utenti all'insaputa dell'utente con divieto ombra.

In sostanza, il contenuto rimarrà visibile al poster originale, ma sarà nascosto agli altri membri della community.

Ciò rende difficile per le persone colpite ottenere follower, interagire con gli altri o far crescere il proprio pubblico.

Indipendentemente dalle tue inclinazioni politiche personali, è preoccupante che le aziende abbiano l'autonomia di metterti completamente a tacere online.

Sebbene Twitter si sia affrettato a porre rimedio a questo problema, una volta portato all'attenzione del pubblico, era già troppo tardi.

Le preoccupazioni si sono sviluppate per l'influenza che le società di social media potrebbero avere su eventi significativi, che hanno un impatto sulla vita di milioni di persone.

La diffusione della disinformazione

Un'altra teoria che è stata incessantemente discussa durante questo periodo è stata la prevalenza di notizie false. Il Cambridge Dictionary definisce le fake news come:

“Storie false che sembrano notizie, diffuse su Internet o utilizzando altri media, solitamente create per influenzare le opinioni politiche o per scherzo”.

I canali tradizionali vengono regolarmente criticati per l'evidente pregiudizio dei media e la loro propensione a distorcere le informazioni per adattarle alla loro agenda.

Sebbene si possa sostenere che le piattaforme di social media hanno conseguenze ancora più disastrose in quanto consentono agli utenti di pubblicare articoli completamente inventati e mascherarli come notizie autentiche.

Questa tendenza online ha portato a un minor numero di persone che si fidano della credibilità delle notizie.

Vedi il seguente articolo SEJ su Come identificare notizie false da notizie reali online.

L'avvento delle notizie false ha acceso un dibattito sulla responsabilità o meno delle società o degli utenti dei social media dei danni causati dalla diffusione della disinformazione.

Naturalmente, le società di social media hanno cercato di prendere le distanze da potenziali responsabilità.

Il CEO di Meta, Mark Zuckerberg, ha dichiarato in un'intervista: "Credo fermamente che Facebook non dovrebbe essere l'arbitro della verità di tutto ciò che la gente dice online".

Cosa possiamo fare al riguardo?

Con le piattaforme di social media così importanti come sono, sarebbe ignorante suggerire che gli utenti che sono preoccupati per questi problemi dovrebbero semplicemente astenersi dall'usarli.

Ciò è particolarmente vero quando i siti di social media hanno un impatto significativo sui mezzi di sussistenza di creatori di contenuti, proprietari di attività di e-commerce, giornalisti e una serie di altri professionisti che sfruttano queste piattaforme per ottenere guadagni monetari.

Quindi, cosa si può fare per alleviare la minaccia che queste piattaforme rappresentano per la nostra libertà di parola?

I governi di tutto il mondo hanno proposto nuove leggi per affrontare questo problema, ma molte non riescono a concretizzarsi.

Nel 2015, l'Australia ha formato l'eSafety Commissioner, che afferma di essere la prima agenzia sostenuta dal governo che mira a migliorare la sicurezza online.

All'eSafety Commissioner è stata concessa la funzione legislativa ai sensi dell'Online Safety Act 2021.

Anche se i pessimisti tra di voi potrebbero notare che parte del linguaggio utilizzato in questa legge serve a limitare ulteriormente la libertà di parola, anche se per scopi altruistici. L'eSafety Commissioner afferma che questa legge consente loro di:

"Indirizzare i fornitori di servizi Internet a bloccare l'accesso a determinati materiali che potrebbero diventare virali e causare danni significativi alla comunità australiana".

"Dà a eSafety nuovi poteri per raccogliere informazioni sulle persone che utilizzano un servizio di social media, un servizio elettronico pertinente o un servizio Internet designato."

In definitiva, a meno che tu non intenda commettere un crimine o pubblicare contenuti generalmente considerati dannosi per i tuoi colleghi, è improbabile che tu venga messo a tacere sulle piattaforme dei social media.

Indipendentemente da ciò, è preoccupante che attualmente non disponiamo delle infrastrutture per proteggere la nostra libertà di parola.

Nel peggiore dei casi, diverse piattaforme di social media alternative, come BitChute o Mastodon, stanno iniziando a guadagnare terreno.

Tuttavia, tieni presente che alcune di queste piattaforme sono note come terreno di calpestio per figure radicali che sono state precedentemente bandite dalle principali piattaforme.

Sapere è potere.

Con la consapevolezza che le piattaforme di social media e i canali tradizionali hanno i mezzi per controllare efficacemente la discussione, sarai in grado di identificare se/quando un'azienda sta cercando di manipolarti con la sua agenda.

Altre risorse:

Immagine di presentazione: Lightspring/Shutterstock

Come verificare il tuo sito WordPress su Pinterest
Google aggiorna le linee guida sui sistemi di spam e posizionamento
Ricerca Google sopraffatta da un massiccio attacco di spam
Google Ads semplifica la prenotazione delle campagne video su YouTube
Il blog della tua azienda è idoneo per Google News?
Google vuole frenare il microtargeting negli annunci finanziari al consumo
webinar di successo
 L'intelligenza artificiale mangerà la tua esperienza a colazione?  L'esempio di LinkedIn
Google evidenzia forum e profili con nuovi dati strutturati

Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?