Gli esperti del Digital marketing

Potenzia il tuo business online con Monkey Digital SEO: sfrutta al massimo il potenziale del marketing strategico digitale.

NFT e copyright: cosa possiedi?

NFT e copyright: cosa possiedi?

Gli NFT (token non fungibili) stanno diventando un modo sempre più popolare per individui e marchi di trarre profitto dalle loro creazioni digitali.

Ed è facile capire perché.

Crei una risorsa digitale unica, come un'opera d'arte, e poi la tokenizzi per dimostrarne la proprietà.

Sempre più creatori si rivolgono agli NFT per verificare l'autenticità e ridurre al minimo le frodi. I token non fungibili sono persino diventati la valuta preferita nel metaverso.

Ma cosa succede una volta venduto un NFT? Chi detiene effettivamente il copyright: il creatore originale o il nuovo proprietario? E come si applicano le leggi sul copyright e i diritti di proprietà intellettuale?

Comprendere gli NFT

Per scoprire dove si trovano le discrepanze e la confusione nel copyright NFT, è utile tornare alle origini per capire cosa sono gli NFT.

Gli NFT sono risorse digitali contenenti codici identificativi univoci che ne verificano la proprietà. Queste risorse digitali vanno da arte, musica e foto a oggetti da collezione come fumetti, carte collezionabili e oggetti di gioco.

Mentre le risorse fungibili come valuta e criptovaluta possono essere scambiate e scambiate, ogni NFT contiene una firma digitale univoca.

Ciò significa che non esistono due NFT uguali e quindi non possono essere sostituiti o scambiati tra loro. Questa è la differenza tra fungibile e non fungibile.

Come la criptovaluta, i token non fungibili o gli NFT sono archiviati sulla tecnologia blockchain, un libro mastro pubblico che protegge le informazioni in un modo che ne rende impossibile l'hacking.

Grazie ai codici identificativi univoci contenuti all'interno di ogni NFT, possono essere facilmente verificati e autenticati per dimostrarne la proprietà.

Anche se gli NFT hanno la tecnologia per la proprietà, c'è ancora confusione riguardo alla legge sul copyright.

In che modo la legislazione sul copyright si applica agli NFT?

Diamo un'occhiata al caso Hermès.

Nel novembre 2021, Hermès ha citato in giudizio l'artista Mason Rothschild (vero nome Sonny Estival) per aver creato una linea di NFT in pelliccia sintetica ispirata alla sua borsa di lusso più famosa e riconoscibile: la Birkin.

Chiamata MetaBirkins, la linea ha gareggiato direttamente con Hermès e con i propri piani per gli NFT. Secondo la causa legale dell'azienda, questo ha confuso i suoi clienti e ha diluito il suo marchio.

La difesa di Rothschild? Che la sua opera fosse denuncia sociale e quindi tutelata dalla libertà di espressione artistica.

La giuria non l'ha comprato e ha premiato l'abito a favore di Hermès. Il loro giudizio è stato che gli NFT violavano la legge sul copyright, inclusa la diluizione e la violazione del marchio. Tutto ciò finì per costare $ 133.000 di danni.

Una lezione costosa per Rothschild e un importante precedente legale per NFT e diritto d'autore.

Chi possiede la proprietà intellettuale di un NFT?

È evidente che molti marchi, inclusi importanti marchi di lusso come Dolce & Gabbana, Tiffany & Co., Gucci e altri, stanno iniziando a esplorare il potenziale dei token non fungibili.

Ciò significa che sta diventando sempre più importante capire dove finisce la creatività e inizia la protezione del copyright.

Perché mentre l'acquisto di un NFT conferisce al proprietario determinati diritti, il controllo creativo completo non è uno di questi, a meno che il detentore del copyright non intraprenda misure attive per garantire ciò, cosa che accade raramente.

Comprensione della protezione del copyright

In qualità di proprietario del copyright, hai il diritto esclusivo di riprodurre e visualizzare il tuo lavoro, a meno che tu non scelga di trasferire il copyright o concedere una licenza all'acquirente.

Ma queste stesse leggi si applicano agli NFT? Queste sono le domande che attualmente vengono poste.

Se la creazione di un token non fungibile è definita come la copia o la riproduzione dell'opera originale in qualsiasi modo, allora ai sensi della legge sul copyright (almeno negli Stati Uniti), il detentore del copyright è l'unico che dovrebbe essere legalmente autorizzato a farlo.

Tuttavia, fare copie di opere ora è molto più semplice ed economico di quanto non fosse prima che esistesse Internet. Oggi è sufficiente un semplice clic con il pulsante destro del mouse, mentre in precedenza la creazione di copie richiedeva tempo, denaro e impegno.

Questo è il motivo per cui la legge sul copyright era una considerazione seria e, oggi, viene a malapena ripensata.

Cosa possiedi quando acquisti NFT?

È una buona domanda.

Solo perché acquisti un token non fungibile non significa che possiedi automaticamente il copyright o anche una licenza. Il creatore lo fa.

Questo perché quando acquisti NFT, stai effettivamente acquistando un token digitale, una prova della proprietà di qualcosa. E in alcuni casi, potresti essere solo il proprietario parziale di quella cosa.

Prendi The Merge, ad esempio: un'opera d'arte NFT di 312.686 token acquistati da 28.983 collezionisti per un prezzo totale di $ 91,8 milioni.

Ora immagina che ciascuno di quei 28.983 collezionisti se ne vada separatamente e riproduca la propria parte della stessa opera d'arte: incubo.

Sebbene le varie leggi sulla proprietà intellettuale relative a marchi, brevetti e diritti d'autore possano essere difficili da comprendere, in particolare come si applicano agli NFT, le regole sono semplici e fondate sul buon senso.

Non copiare il lavoro di altre persone e mantieni sempre al sicuro il tuo lavoro, come Hermès ha recentemente e fortemente dimostrato.

Come funzionano le licenze e gli NFT

In questo momento, le leggi e le linee guida sul copyright sono ancora oggetto di interrogatorio e discussione.

Ma se stai pensando di acquistare token non fungibili o sei già proprietario di NFT, ci sono alcune soluzioni alternative quando si tratta di licenze:

Licenza personale

Sebbene tu non possa detenere il copyright da solo, se ti viene concessa una licenza personale, puoi utilizzare il tuo NFT per mezzi non commerciali e senza scopo di lucro. Ciò potrebbe includere la visualizzazione della tua opera d'arte a casa tua o l'utilizzo come immagine del tuo profilo sui social media.

Tieni presente, tuttavia, che non sarai in grado di utilizzare il tuo NFT per guadagno commerciale in alcun modo.

Diritti commerciali

Qui avrai alcuni diritti commerciali sul tuo NFT come ti sono stati dati dal creatore. È importante ricordare che continueranno ad avere il diritto d'autore e la proprietà intellettuale dell'opera originale.

A seconda dei diritti specifici che ti vengono trasferiti, potresti essere in grado di vendere stampe, creare merchandising o persino creare uno spettacolo televisivo.

Nel caso del Bored Ape Yacht Club, ad esempio, i proprietari hanno un uso commerciale illimitato della loro arte NFT. (Tuttavia, sembra esserci una certa confusione sulla sua registrazione del copyright, che lasceremo per un'altra volta.)

Oltre alle licenze personali e commerciali, esistono altre strutture in cui l'acquirente di un NFT deve pagare le royalty al creatore originale. Quindi ogni volta che l'NFT viene venduto, genera un reddito passivo per il suo proprietario.

William Shatner, ad esempio, ha venduto 125.000 fotografie digitali sulla WAX Blockchain in soli 9 minuti e ora guadagna un reddito secondario dal loro commercio.

Dall'altra parte dello spettro, una licenza royalty-free può eliminare la necessità di pagare royalties al creatore. E altre strutture di licenza alternative possono concedere o negare determinate autorizzazioni ai rispettivi proprietari.

Quindi, mentre le leggi sul copyright possono avere linee guida rigide, le licenze possono aiutare a concedere particolari libertà creative.

Marchi che stabiliscono la precedenza per NFT e diritti di proprietà intellettuale

Come abbiamo discusso, il caso Hermès costituisce un importante precedente legale per i marchi di lusso in merito alla vendita non autorizzata di token non fungibili. Ed è più attuale che mai.

Grandi marchi come Gucci, Louis Vuitton, Burberry e altri stanno iniziando a entrare nello spazio NFT, collaborando con i mercati NFT e creando collezioni digitali. E perché non dovrebbero?

Gli NFT consentono loro di autenticare prodotti in edizione limitata, estendere il ciclo di vita dei loro prodotti e costruire modelli di business più sostenibili.

Non c'è da meravigliarsi, quindi, che i marchi siano ottimisti riguardo al potenziale degli NFT di trasformare il settore e creare nuove opportunità di crescita e innovazione.

Cosa significa questo per chiunque crei NFT?

Sebbene gli NFT abbiano il potenziale per cambiare il mercato e rendere possibili nuove opportunità, come marchio o creatore, devi comunque conoscere i tuoi diritti di proprietà intellettuale.

Devi anche conoscere gli NFT e capire che solo perché ne stai acquistando uno, non significa che possiedi l'IP sottostante.

A meno che, ovviamente, tu non sia il creatore originale.

Invece, i token non fungibili rappresentano la proprietà o i diritti su un particolare asset sottostante. Ciò significa che i creatori devono evitare di violare i diritti di proprietà intellettuale di altri.

Allo stesso tempo, devono anche implementare misure per proteggere la propria proprietà intellettuale.

Altrimenti, cosa impedisce a qualcuno di acquistare il copyright di un'opera d'arte NFT e quindi citare in giudizio l'acquirente per aver reso quella stessa opera d'arte la sua immagine del profilo?

O copiare altre opere per creare NFT e quindi garantire che l'acquirente abbia i diritti sull'opera? Il tutto sfocando i confini della violazione del copyright.

Ci sono già troppe aree grigie da navigare senza giocare veloce e sciolto con la legislazione sul copyright già in vigore.

Quindi, mentre i termini del copyright NFT sono ancora in fase di definizione, vai sul sicuro.

Proteggi il tuo lavoro protetto da copyright come creatore o marchio.

Richiedi i diritti di rivendita se esiste la possibilità per te.

Non utilizzare i tuoi NFT per guadagno commerciale senza la licenza adeguata.

E non andare mai contro Hermès.

Altre risorse:

Immagine di presentazione: Crazy_Dark_Queen/Shutterstock

Le Critiche Crescenti Contro Google
Scoprire lo Sviluppo Web: La Programmazione come Arte
Scopri i Top Podcast SEO del 2024 e Mantieniti Aggiornato
Il ruolo delle finestre di dialogo nella progettazione di un'interfaccia utente web
Guida all'Integrazione di ChatGPT sul Tuo Sito Web
Utilizzo efficace di ChatGPT per la ricerca di parole chiave
Automatizzare le Campagne PPC con l'Intelligenza Artificiale Generativa
Aggiungere Coinvolgimento al tuo Sito con uno Sfondo Video CSS
Importanza delle Pagine di Destinazione per la Generazione di Lead e Incremento delle Vendite
Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?