Gli esperti del Digital marketing

Potenzia il tuo business online con Monkey Digital SEO: sfrutta al massimo il potenziale del marketing strategico digitale.

Tutto quello che c’è da sapere su Google Performance Max

Tutto quello che c'è da sapere su Google Performance Max

Negli ultimi anni, Performance Max ha ottenuto un'attenzione significativa da parte di Google.

Il tipo di campagna PPC, lanciato nel 2021, ha ricevuto feedback positivi e negativi dagli inserzionisti.

Tuttavia, con la crescente influenza dell'IA e dell'apprendimento automatico, Performance Max non dovrebbe essere trascurato.

Continuate a leggere per ottenere una comprensione completa di Performance Max, comprese le sue funzionalità, il suo funzionamento e il suo utilizzo efficace per ottenere risultati ottimali.

Che cos'è Performance Max?

Performance Max (PMax) è un tipo di campagna automatica disponibile in Google Ads.

Le capacità di apprendimento automatico di Google vengono utilizzate per aumentare le conversioni in tutto l'inventario di proprietà di Google. Gli annunci PMax possono essere serviti su varie piattaforme.

  • Search.
  • Display.
  • YouTube.
  • Discover.
  • Gmail.
  • Maps.

Gli annunci vengono generati in base agli input degli inserzionisti, in modo simile alla creazione di annunci responsive search e display.

PMax opera con obiettivi di conversione a livello di campagna, in linea con il suo nome.

Come funziona Performance Max?

Performance Max utilizza modelli di apprendimento automatico per migliorare le conversioni ottimizzando le offerte e i posizionamenti in tempo reale. PMax impiega lo Smart Bidding per raggiungere questi obiettivi.

La tecnologia AI di Google tiene conto di vari fattori nell'ottimizzazione delle campagne PMax, tra cui:

  • Pubblico
  • Creativi
  • Ottimizzazione del budget
  • Strategia di offerta
  • Attribuzione
  • E altro ancora

Per garantire l'efficacia del PMax, gli inserzionisti devono fornire input ottimali per il funzionamento delle tecnologie di machine learning e AI.

Esaminiamo ora alcuni dei componenti essenziali per avviare una campagna Performance Max.

Surfer presenta una guida SEO intitolata "12 lezioni apprese nel 2023", disponibile gratuitamente.

Budget e offerte

Il primo input è incentrato sulle offerte.

  • Conversioni
  • Valore di conversione

È inoltre possibile impostare un obiettivo di costo per azione (CPA) o di ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS).

Avete la possibilità di modificare la vostra strategia di offerta per acquisire nuovi clienti.

L'impostazione predefinita prevede l'aumento dell'offerta per i nuovi clienti, assicurando che la campagna raggiunga tutti i potenziali clienti, ma dando priorità ai nuovi clienti con un'offerta più alta.

Per l'acquisizione di nuovi clienti sono necessari i seguenti input.

  • Il tipo di strategia di offerta deve essere impostato su "Massimizza valore di conversione".
  • Un segmento di pubblico composto da almeno 1.000 membri attivi può essere utilizzato per identificare i clienti esistenti.

Vengono discussi i temi della localizzazione, della lingua e della programmazione degli annunci

Selezionare le impostazioni della località.

L'ultimo aggiornamento di Google Ads Editor offre il pieno supporto per le campagne PMax, che possono essere utili per includere numerose località individuali.

Un'altra possibilità è quella di importarli nell'interfaccia online selezionando "ricerca avanzata" e scegliendo l'opzione di importazione massiva.

In seguito, si selezioneranno le lingue specifiche, si determinerà un calendario pubblicitario (se necessario) e si stabiliranno le date di esecuzione della campagna.

Attività create automaticamente

Nelle impostazioni della campagna PMax, c'è una sezione chiamata "Attività create automaticamente".

Le impostazioni predefinite includono il controllo delle risorse di testo e dell'URL finale, che è importante rivedere.

Mantenendo selezionate queste opzioni, si autorizza Google a generare nuove risorse di testo per gli annunci utilizzando le informazioni della pagina di destinazione, del dominio e di altri annunci.

Inoltre, Google ha la facoltà di modificare l'URL finale per reindirizzare il traffico verso la pagina di destinazione che ritiene più adatta, indipendentemente dall'input fornito dall'utente.

Se non si è sicuri, potrebbe essere meglio disabilitare queste impostazioni per mantenere un maggiore controllo iniziale.

Gruppi di asset (Aka “Ads”)

È qui che si svolge la maggior parte dell'impostazione di PMax.

Le attività sono impostate a questo livello.

  • L'URL finale è la destinazione dopo aver fatto clic su un annuncio.
  • È possibile aggiungere fino a 20 immagini e si consiglia di utilizzare una combinazione di orientamenti orizzontale, quadrato e verticale.
  • È necessario almeno un logo quadrato, mentre è consigliabile un logo orizzontale opzionale.
  • È possibile aggiungere fino a un massimo di cinque video. Si noti che nei casi in cui non vengano aggiunti video, Google genererà video automatici se possibile.
  • Elenco dei titoli:1. Sono ammessi al massimo 15 titoli, ciascuno di 30 caratteri.2. Limite di 30 caratteri per titolo, fino a 15 titoli.3. Aggiungere fino a 15 titoli, con un limite di 30 caratteri per ciascuno.
  • È possibile aggiungere fino a cinque titoli lunghi, con un limite di 90 caratteri ciascuno.
  • Per le descrizioni è richiesta una breve descrizione di 60 caratteri, con un massimo di 4 descrizioni aggiuntive consentite, ciascuna con un limite di 90 caratteri.
  • La ragione sociale è obbligatoria e non deve superare i 25 caratteri.
  • Affinché i sitelink appaiano negli annunci, è necessario un minimo di due sitelink. Si consiglia di avere almeno quattro sitelink.
  • Sono disponibili diverse opzioni per la chiamata all'azione, tra cui il test automatico di Google o la selezione manuale.
  • Includere segnali di pubblico pertinenti, come elenchi di clienti o segmenti di mercato, per ottimizzare la capacità di Google di scoprire nuovi clienti in modo efficiente.

Va notato che i segnali del pubblico possono essere considerati come "suggerimenti" del pubblico.

Incorporando i segnali del pubblico, le campagne possono essere indirizzate verso questi segnali, ma non solo.

Google utilizza i segnali del pubblico per identificare i potenziali clienti che potrebbero essere interessati ad acquistare il vostro prodotto o servizio.

A questo livello è possibile impostare i tipi di asset opzionali, tra cui:

  • Promotions.
  • Prices.
  • Calls.
  • Structured snippets.
  • Lead forms.
  • Callouts.
  • Display path.

Quali sono le differenze tra Performance Max, Search Ads e Demand Gen Ads?

Performance Max è un tipo di campagna unico.

Secondo Google, PMax è stato progettato per migliorare le campagne di ricerca basate su parole chiave al fine di ottenere più clienti. Non sono da considerarsi un sostituto.

Esistono tre differenze distinte tra i vari tipi di campagna.

  • Posizionamenti
  • Intenzione
  • Opzioni di targeting

La principale distinzione tra annunci PMax, annunci di ricerca e annunci Demand Gen è la gamma di opzioni di posizionamento disponibili.

Performance Max consente di adattare gli annunci e di servirli su varie piattaforme, tra cui Google Search, Display, YouTube, Gmail, Discover e Maps.

Le campagne di ricerca vengono visualizzate esclusivamente sulla pagina dei risultati di ricerca di Google, nonché sulla sua rete di Search Partners se sono state selezionate campagne.

Le campagne Demand Gen (ex Discovery) hanno una forte enfasi sulle immagini, in quanto i loro annunci sono visibili su YouTube, Discover e Gmail.

Una distinzione importante tra i tre tipi di campagna è il loro intento.

  • Performance Max si rivolge agli utenti su più piattaforme, indipendentemente dal loro intento.
  • La ricerca si rivolge agli utenti che hanno un intento più elevato, ovvero che stanno cercando attivamente un prodotto o un servizio.
  • La Demand Generation si rivolge agli utenti che stanno esplorando i contenuti o che mostrano segni di interesse.

Infine, ci sono fattori che distinguono il modo in cui ogni tipo di campagna può rivolgersi agli utenti.

  • Performance Max utilizza l'apprendimento automatico e i segnali dell'audience per ottimizzare il targeting.
  • La pubblicità di ricerca utilizza principalmente il targeting delle parole chiave, offrendo anche opzioni come i dati demografici, gli interessi e i dati di prima parte.
  • La Demand Generation si rivolge principalmente agli utenti in base ai loro interessi e comportamenti.

Ogni tipo di campagna ha i suoi vantaggi ed è guidata principalmente da obiettivi di marketing distinti.

Quali sono i vantaggi di Performance Max?

PMax è un tipo di campagna automatizzata che offre diversi vantaggi nella gestione di una campagna.

Questi sono alcuni dei principali vantaggi delle campagne PMax.

  • La portata multipiattaforma è un tipo di campagna che consente di indirizzare gli utenti su tutto l'inventario di Google, ampliando la portata potenziale del pubblico al di là di quanto possono fare i singoli tipi di campagna.
  • L'offerta automatica è una funzione fornita da Google che ottimizza le offerte per l'utente, l'ora e il messaggio appropriati. Inoltre, Google ottimizza l'allocazione del budget tra i vari posizionamenti in base alle prestazioni.
  • PMax semplifica la gestione delle campagne offrendo una reportistica unificata, riducendo il lavoro manuale come la regolazione delle offerte e fornendo opzioni di configurazione relativamente facili con le giuste impostazioni.
  • Google offre funzionalità creative avanzate, che consentono di utilizzare un'ampia gamma di formati pubblicitari nell'inventario. Inoltre, Google effettua test automatici di diversi formati e combinazioni per ottimizzare l'efficacia.
  • L'adattabilità di PMax risiede nelle sue capacità di apprendimento automatico, che consentono agli algoritmi di adattarsi in modo efficiente ai cambiamenti del comportamento degli utenti, alle tendenze del mercato e alla stagionalità.

A chi si rivolge Performance Max?

Alcuni settori possono trarre maggiori vantaggi dal PMax rispetto ad altri.

Un metodo affidabile per determinare se PMax è adatto al vostro marchio si basa sui seguenti criteri.

  • La velocità di generazione delle vendite o degli acquisti.
  • Flessibilità di bilancio
  • Risorse creative sufficienti.

Performance Max è spesso efficace per i marchi di e-commerce, in particolare quando i feed di prodotto sono abilitati all'interno della campagna.

Se il vostro marchio ha un ciclo di vendita o di acquisto più breve, PMax può aiutarvi ad aumentare le conversioni.

Tuttavia, se la vostra azienda si concentra sulla generazione di lead o ha un ciclo di vendita lungo, questo tipo di campagna potrebbe non essere adatto a voi.

L'efficacia di PMax dipende dai dati dello storico delle conversioni, pertanto se il volume delle conversioni è limitato, le prestazioni potrebbero risentirne.

Il secondo fattore da considerare per stabilire se Performance Max è adatto a voi è il budget.

Se il budget è rigido o costantemente limitato, le campagne potrebbero non raggiungere il loro massimo potenziale a causa delle limitate opportunità di apprendimento.

Si consiglia di spendere almeno 50-100 dollari al giorno per 30 giorni per ottenere risultati accurati.

Se il vostro marchio ha la capacità di generare e sostenere una quantità sostanziale di risorse creative, vale la pena considerare PMax per i test.

I marchi con risorse creative limitate o linee guida rigorose potrebbero non trovare vantaggioso utilizzare questo tipo di campagna automatizzata.

Ecco cinque pratiche consigliate per massimizzare le prestazioni.

Il successo è determinato dalle scelte e dalle circostanze in cui ci si trova.

Anche se Performance Max è altamente automatizzato, per massimizzarne l'efficacia e il valore sono necessari l'apporto e le osservazioni umane.

Ecco cinque pratiche consigliate per implementare e ottimizzare le campagne PMax.

È necessario assicurarsi che l'implementazione del monitoraggio delle conversioni sia accurata.

PMax utilizza i dati di conversione per ottimizzare e indirizzare in modo efficace.

Il monitoraggio accurato delle conversioni è importante per raggiungere il successo.

Assicuratevi che i punti di conversione pertinenti siano tracciati correttamente e considerate l'importazione di qualsiasi dato di conversione offline, se necessario.

Si tratta del cosiddetto "full-funnel conversion tracking", che consente a Google di comprendere in modo esaustivo le modalità di conversione dei clienti.

Selezionare l'obiettivo e i target appropriati per la strategia di offerta.

La comprensione del valore del cliente è fondamentale.

Quando si imposta la strategia di offerta, è consigliabile utilizzare i KPI storici del CPA o del ROAS target come punto di partenza.

Fissare obiettivi a entrambi gli estremi può comportare fluttuazioni significative nelle prestazioni della campagna.

Una tipica campagna di ricerca di marca ha di solito un ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS) più elevato rispetto a una campagna non di marca.

Quando si stabiliscono gli obiettivi di conversione, è importante considerare fattori che vanno oltre i termini del marchio per evitare limitazioni nel targeting e nella portata, con conseguente diminuzione delle conversioni e scarse prestazioni.

Non dimenticate di rivedere le impostazioni delle attività automatiche.

Le impostazioni automatiche discusse all'inizio sono importanti e vanno ribadite in questa sede.

Gli inserzionisti devono mantenere il controllo, soprattutto nei settori altamente regolamentati.

Per indirizzare gli utenti a una pagina di destinazione specifica, disattivare l'impostazione di espansione dell'URL per la campagna.

Per mantenere il controllo completo della copia degli annunci e degli asset, assicuratevi che la casella che consente a Google di creare e implementare gli asset per vostro conto sia deselezionata.

La frase precedente non fornisce informazioni sufficienti per riscriverla con un tono di voce neutro.

Un altro fattore importante da considerare sono i segnali del pubblico.

I segnali di audience forniscono a Google indicazioni sui tipi di clienti a cui rivolgersi e da perseguire.

Per migliorare le prestazioni delle vostre campagne PMax, cominciate con l'incorporare segnali di pubblico ad alta intensità.

I segnali del pubblico ad alta intensità possono includere:

  • Si tratta di dati di prima parte relativi a clienti o acquisti.
  • Visitatori o soggetti coinvolti nel sito web
  • Pubblico nel mercato
  • Pubblico personalizzato o combinato

La semplice aggiunta di segmenti di affinità o di stile di vita non fornirà informazioni sufficienti a Google per determinare con precisione il vostro pubblico di riferimento.

Aggiungete i termini del marchio all'elenco delle parole chiave negative per evitare la cannibalizzazione.

Al momento del lancio di PMax, gli inserzionisti sono rimasti piacevolmente sorpresi dall'impressionante performance delle loro campagne.

Hanno rivisto le loro campagne di ricerca di marca.

Ricordiamo che PMax è un tipo di campagna automatizzata che non consente il targeting delle parole chiave, ma è possibile escluderle.

Google consente ora l'uso di elenchi di parole chiave negative per le campagne Performance Max, grazie alla continua evoluzione della piattaforma.

Creare un elenco di parole chiave specifiche del marchio ed escluderle in PMax, come minimo.

In questo modo la campagna di ricerca in corso può funzionare e ottimizzarsi come di consueto, senza che PMax entri in competizione con gli sforzi esistenti, e serve davvero come strumento supplementare alle campagne di ricerca.

Per concludere

Le campagne Performance Max possono essere efficaci per gli inserzionisti se configurate e gestite correttamente.

Si consiglia di testare tutti i nuovi tipi di campagna per determinarne l'idoneità al proprio marchio.

Performance Max può essere uno strumento vantaggioso per ottenere un maggior numero di clienti su scala più ampia, garantendo una chiara comprensione degli obiettivi, delle finalità, del targeting del pubblico e della direzione creativa.

Le Critiche Crescenti Contro Google
Scoprire lo Sviluppo Web: La Programmazione come Arte
Scopri i Top Podcast SEO del 2024 e Mantieniti Aggiornato
Il ruolo delle finestre di dialogo nella progettazione di un'interfaccia utente web
Guida all'Integrazione di ChatGPT sul Tuo Sito Web
Utilizzo efficace di ChatGPT per la ricerca di parole chiave
Automatizzare le Campagne PPC con l'Intelligenza Artificiale Generativa
Aggiungere Coinvolgimento al tuo Sito con uno Sfondo Video CSS
Importanza delle Pagine di Destinazione per la Generazione di Lead e Incremento delle Vendite
Link Building

Link Building come parte della tua strategia di marketing può portare a risultati rivoluzionari. Seowebsite è specializzato nel Link Building e aiuta gli imprenditori a realizzare un forte profilo di link che contribuisce alla crescita online. Possiamo supportarvi anche in questo?